Vai al contenuto

“Credevo fosse amore e invece era un calesse” – #3

Aprile 2003 – La luce in fondo al tunnel

A.: Ma quant’è bella…

P.: In effetti…
Mi piaceva tutto il disco…

A.: L’ho avuto anch’io… poi è sparito negli innumerevoli traslochi degli ultimi anni

P.: Hai traslocato parecchio?

A.: Dal 1996 a oggi ne ho fatti sei

P.: Azz… Non ti sei fatta mancar niente….

A.: Vero??? Sono un disastro…

P.: Non mi pare che tu sia un disastro….

A.: Lo sono lo sono…

P.: Perché dici così?

A.: Perchè non ne indovino una, con le persone, con le scelte… con tutto…

P.: Posso chiederti cosa è successo col papà del bimbo…Se ti va di parlarne…

A.: Cos’è successo… bisogna vedere se ti vadi ascoltarlo…

P.: Mi piace ascoltare….

A.: Credevo fosse amore e invece era un calesse…

P.: Ahahah…
Scusa se rido… So che non c’è da ridere, ma il modo in cui l’hai detto dava adito alla sdrammatizzazione…

A.: Riassume la cosa in poche parole… ci conosciamo e lui parte in quarta con la voglia di una famiglia… io in età biologica da voglia sfrenata di maternità e credo a tutte le sue promesse…
Rimango incinta, mollo il lavoro, progettiamo di vivere insieme, mollo la mia casa…
Al secondo mese di gravidanza mi dice che si vergogna di me in pubblico, perchè non sono alta bella bionda con le tette grosse, e mi aveva scelto solo perchè gli serviva una persona che fosse una brava lavoratrice…intelligente, responsabile… ma non siamo fatti x stare insieme.

P.: …………………..
…………non ho parole……….

A.: Scelgo…scelgo di restare solo perchè volevo provare a dare un padre a mio figlio, rinunciando alla mia felicità…
Ma non ho mai superato la cosa… lui parlava di famiglia, solo perchè ho una malattia da cui derivano delle difficoltà a rimanere incinta e portare a termine una gravidanza, e invece lui aveva capito che fossi sterile

P.: ……………..

A.: Ho sperato che cambiasse lui, che cambiassi io…ma è stato un disastro.
L’ultima definizione che dava di me era che sono un nano deforme sottosviluppato e con la testa grossa e i miei problemi derivano solo dal fatto che non lo accetto…
Così, riavuto un lavoro fisso, e facendomi assistere da una psicoterapeuta, a fine gennaio me ne sono andata con il bimbo e son tornata dai miei.
Il che crea non poche difficoltà, perchè io non ho più alcuna libertà, se non a notte fonda come ora…

P.: Però, lasciatelo dire, credo che tu abbia fatto la scelta migliore… …………

A.: E io e mia mamma non ci siamo mai sopportate, tanto che non mi parla…
Dicevi??? Non sono un disastro???
Non sono un disastro con le persone che scelgo??? Con le mie scelte in generale???
Sì, lo sono… E’ andata così… da ora in avanti devo solo essere più forte…
Lo devo al mio bimbo…

P.: Mi dispiace che tu abbia passato questi momentacci…
Anche io ho avuto i miei momenti bui, come ti dicevo…
Ma devo dire che a te è andata anche peggio…

A.: Dai racconta…siamo al confessionale…

P.: Ahahaha…Ma, guarda… Dopo quello che mi hai detto tu… Forse non vale neanche la pena che ti racconti niente…

A.: Non hai idea della fatica e della responsabilità che mi sento addosso…

P.: Lo posso immaginare…
Comunque…
Continui a non sembrarmi un disastro…
Anzi….
Mi pare che nel marasma più totale, te la stia sbrigando alla grande….
Anche se ti costa chissà quanto…

A.: E’ora di andare a letto…
Senti, se non hai cambiato idea x venerdì, ti aggiorno domani quando e se ho i biglietti…perchè potrebbero anche essere finiti…
E’ stato un grandissimo piacere passare la serata con te…

P.: Se non hai cambiato idea tu, aspetto notizie domani….

A.: Ti aggiorno via cellulare però, spero di non disturbarti
E.. no, io non ho cambiato idea…
Sei tu che fai un immenso regalo a me. non il contrario…

P.: E’ un regalo per entrambi allora….

A.: Grazie di tutto e buonanotte allora, x quel che ne rimane…

P.: E’ stato un piacere anche per me passare queste ore con te…
E… Più vado a vanti e più penso che tu non sia un disastro….

A.: E’ inutile che fai il carino…
Comunque, seriamente, grazie…

P.: Grazie a te!
Buonanotte e a domani!!

A.: Dolcisogni, buonanotte!

What do you think about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.