Annunci

Un tranquillo week-end… di ordinaria follia!

 

Capita che quello che hai organizzato per essere un tranquillo week-end con la persona che ami si trasformi in un insieme di situazioni decisamente fuori dall’ordinario… non tanto per il singolo episodio in sè…quanto per come decidono improvvisamente di concentrarsi in meno di 24 ore tutta una serie di strampalate coincidenze al limite della follia…che alla fine della giornata ti fanno dire ‘meno male che è finita…ma è finita davvero???’…

Vi racconto il mio ultimo week-end, e nel dettaglio la manciata di ore tra le 20:37 dello scorso sabato, e le 20:45 della scorsa domenica.

Avevo prenotato il treno delle 21:08, da prendere di corsa dopo il lavoro, per arrivare alle 22:23 alla stazione dove io e il mio compagno avevamo fissato di incontrarci…

Esco dal lavoro alle 20:37…orario perfetto…acchiappo al volo un bus che mi porti alla stazione di partenza…con la bronchite in arrivo non volevo farmi il breve percorso a piedi, ma ero in orario, volendo, anche per la passeggiata…

Passano 2 fermate del bus…controllo in borsa di non aver dimenticato niente…cosa che faccio di abitudine appena finito di lavorare…sempre…e mi accorgo di aver dimenticato al lavoro una cosa importantissima…

Il cervello comincia a viaggiare a tutta velocità vagliando le varie possibilità che potevo avere in quel momento…e alla fermata successiva sono fuori dal bus…penso: ‘torno indietro…sistemo tutto…e ritorno alla stazione…ce la faccio…ce la devo fare…e maledetta me che ho aspettato 5 minuti prima di controllare la borsa, che invece di solito lo faccio subito…’…e tutto questo mentre corro letteralmente, sotto la pioggia, senza ombrello che mi avrebbe rallentato…evitando di preoccuparmi di scansare le pozze di acqua…e tutto con la bronchite in arrivo…

Ritorno al lavoro…prendo quello che avevo dimenticato…l’orologio segna le 20:55… io già non respiro più dal male che mi fanno i polmoni…ritorno alla fermata del bus e controllo l’orario degli ultimi bus in arrivo…20:55 uno…ma non passa… 21:03 l’altro…penso: ‘ce la faccio, dai che ce la faccio…’

Si fanno le 21:03…l’autobus non passa…allora ricomincio a correre per raggiungere la stazione di nuovo a piedi, sotto la pioggia, senza ombrello che mi avrebbe rallentato…evitando di preoccuparmi di scansare le pozze di acqua…con la bronchite in arrivo…pregando tutti i dii esistenti o meno che il treno (un IC, mai puntuali, sempre in ritardo), fosse in ritardo anche stavolta…

Arrivo in stazione…molle, senza fiato, sudata…ore 21:10…

Sul display il treno che ho prenotato è ancora segnalato…penso: ‘dai! ce la faccio!’… binario 6, il più lontano dall’ingresso della stazione…ancora corro, salgo le scale…il treno parte mentre il mio viso diventa in grado di vedere l’orizzonte della piattaforma dei binari…

Provo a respirare…il cervello ricomincia a valutare tutte le opzioni che posso avere…e la più valida è intercettare il treno alla stazione successiva, dove sapevo si sarebbe fermato per una ventina di minuti per un cambio di locomotiva dalla testa alla coda del treno…istantaneo controllo del monitor dei treni in partenza…21:12 un treno in partenza al binario 3…corro, di nuovo giù e su per le scalinate…ma mi parte sotto gli occhi anche quello…

Allora chiamo il mio compagno, che doveva venirmi a prendere alla stazione di arrivo, che da casa mi controlla via internet i percorsi in tempo reale dei treni metropolitani che in quel lasso di tempo potevano portarmi alla stazione dove intercettare il mio IC…e sto ancora cercando di continuare a respirare…

Treno regionale in ritardo di 20 minuti, partenza ore 21:20…lo prendo…l’IC ripartiva dopo il cambio della locomotiva alle 21:42…penso: ‘ce la posso ancora fare…’

Vado dal capotreno…vengo a sapere che il treno deve fermarsi in tutte le stazioncine sperdute che trova nel suo percorso, prima di arrivare al mio punto di scambio…l’arrivo è previsto per le 21:52…penso: ‘cazzo!!!solo 10 minuti!…speriamo che l’IC abbia dei problemi nell’aggancio della locomotiva…’

Al capotreno chiedo se sia possibile avvisare il capotreno dell’IC…che mi aspetti, fin quando possibile…e il capotreno chiama!

Ma niente…arrivo in stazione…e stavolta non c’è neanche bisogno di correre…l’IC…il mio treno…è ripartito mentre il metropolitano entrava in stazione…

Soluzione alternativa: un regionale in partenza alle 23:18…convinco il mio compagno, che sarebbe partito di volata in macchina per venirmi a prendere e gli ci sarebbero volute comunque 2 ore…che non era necessario…nonostante l’ambiente decisamente poco raccomandabile della stazione in orari notturni, mi sarei fermata al Mc Donald’s a mangiare una schifezza qualsiasi e avrei aspettato al caldo la partenza del treno dell’ultima speranza…

Mi infilo al Mc Donald’s, sconvolta…mi siedo…in un posto abbastanza vicina alla guardia notturna addetta alla sorveglianza…penso: ‘non si sa mai…’…mangiucchio…bevo…prendo le medicine…

Mi guardo intorno e osservo tutta la varia umanità che si raccoglie in un fast-food della stazione nell’ultima ora del giorno…altro che blog…c’era talmente tanto materiale umano, tanta vita, tanti pensieri, religioni, viaggi, partenze, arrivi racchiusi in uno spazio così stretto nel cuore della notte…che potendoli fissare tutti su carta ne verrebbe fuori un libro meraviglioso!

Da un tavolo accanto mi si avvicina una signora anziana, che sembrava abbastanza normale, nonostante lo sguardo un pò spento…e quasi ‘vis a vis’ mi sussurra:

‘si vede che sei stanca…è da stamani che lavori…e non hai ancora finito…’

e io penso: ‘ecco, ci mancava solo questa che mi ha preso per una baldracca!…’

e lei alzando il tono della voce e allontanadosi dal mio viso: ‘si vede che sei giovane! non ti arrendere! vai avanti e lotta! vedrai che ce la fai! vai avanti!!!’…poi mi saluta e va…

Ricambio il saluto, e a metà tra l’incredulo e il divertito incontro lo sguardo della guardia notturna, che alza le spalle, sorride, e mi dice: ‘sembra normale a vederla…ma poi!…’

Sorrido anch’io…mi rivesto, riprendo le mie borse…e sono quasi le 23:00…

Mi avvio al binario e cerco il capotreno del treno delle 23:18 per chiedergli se potevo salire con il mio biglietto del famoso IC…salgo…mi siedo, sono le 23:10…finalmente parto…

Arrivo a destinazione e incontro la persona che amo alle 00:50…nel suo abbraccio la giornata è finita…

—————— 0@0——————–

Il ritorno è fissato per il giorno successivo, domenica, IC delle 18:08…

Puntuale anche stavolta…mannaggia…avrebbe fatto comodo una mezz’oretta di ritardo, per rubare un altro abbraccio e un altro bacio…e qualche sguardo ancora…e una carezza…

Invece niente…il saluto, il distacco sono frettolosi e crudeli…

Mi siedo…la bronchite mi sta soffocando…

Il treno dovrebbe arrivare alle 19:50…l’ultimo autobus dal capolinea della stazione, per tornare a casa ed esser presente al rientro del mio bimbo che ha passato il fine settimana con il padre, parte alle 20:10…

MA…

Il treno salta la fermata alla stazione dove devo scendere!!!

MA POSSIBILE CHE UN TRENO SALTI UNA STAZIONE???

NON E’ MAI SUCCESSO!!!

Noi passeggeri sul treno ci guardiamo smarriti, increduli…scoppiano le risate isteriche…

Ma dovevate vedere le facce e le mani alzate della gente ferma sul binario della stazione che si era vista passare il treno a diritto!!!!

Tutto valeva lo stupore di quelle facce!!!

Il treno si ferma nel nulla…il capotreno, che non si era accorto di niente ed era stato richiamato alla realtà della situazione eccezionale da noi viaggiatori, comincia ad andare in su e in giù lungo gli scompartimenti, avvisando che SE fosse stato possibile il treno sarebbe tornato INDIETRO in stazione…

Passano una decina di minuti buoni fermi nel nulla e intrappolati dentro al treno appena fuori dalla stazione…e il treno lentamente fa marcia indietro ed entra in stazione…di culo…non mi era mai successo!

Scendo dal treno, finalmente…impagabili le facce di quelli che ne avevano atteso la fermata…e poi se lo erano visto tornare indietro a prenderli!…

Sono le 20:07…l’autobus parte alle 20:10…

Penso: ‘ce la faccio!…nonostante tutto ce la faccio!…’ e una signora scesa dal treno insieme a me, correndo con il suo trolley accanto a me (che ancora non respiro causa l’inizio di bronchite di cui sopra…), in direzione delle scale di uscita mi dice: ‘dopo questa…può ancora succedere di tutto!…la giornata non è ancora finita!…penso: ‘a me manca solo da prendere il bus…ma sono in tempo…’

Mai mio pensiero era stato così poco profetico!!!

Esco dalla stazione…ore 20:08…chiedo a due ragazzi alla fermata se fosse per caso partito il bus che dovevo prendere…e loro mi rispondono: ‘sì, l’abbiamo visto partire un minuto fa!’…

NON E’ POSSIBILE!!!

L’ULTIMA CORSA DELLA GIORNATA, DELLA DOMENICA, PARTE DAL CAPOLINEA CON 3 MINUTI DI ANTICIPO!!!

L’AUTISTA, DESIDEROSO DI TORNARE VELOCE A CASA HA DECISO DI PARTIRE PRIMA!!!

Incazzata come una iena, ma ormai votata alla calma zen, comincio a cercare qualcuno della compagnia di autolinee che possa darmi delle spiegazioni e fornirmi un’alternativa…ma ovviamente non c’è nessuno!…è partito prima anche l’autista dell’ultima corsa pur di levarsi di culo!!!

E sono ora le 20:10…

Non ho alternativa…non posso andare a piedi…devo essere a casa per le 21:00 che torna il mio bimbo…sono costretta a prendere un taxi…

Salgo…fortunatamente non gigiona…mi porta a casa…

Sono le 20:25…e 19 euro e 80 di taxi per un quarto d’ora di viaggio…in tasca avevo solo 20 euro…

Rientro in casa…penso: ‘è finita…la giornata è finita’

Riabbraccio il mio bimbo…

Annunci

29 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. dv8888
    Feb 04, 2014 @ 06:30:09

    Odio i mezzi pubblici (che si chiamano così perché offrono un mezzo servizio)

    Mi piace

    Rispondi

  2. Lucia Malanotteno
    Feb 04, 2014 @ 07:19:34

    Le disgrazie dei mezzi pubblici! Sono una collega pendolare, ti capisco proprio! Ieri, lunedi mattina mi hanno soppresso il treno delle 6 e mezza!

    Mi piace

    Rispondi

  3. ilgattosyl
    Feb 04, 2014 @ 07:26:52

    io non ho un felice rapporto coi treni….ma vedo pure tu….

    Mi piace

    Rispondi

  4. Pinocchio non c'è più
    Feb 04, 2014 @ 14:04:56

    Oddio, fantastico…a me è venuto il fiatone solo a leggerlo.

    Mi piace

    Rispondi

    • CrazyAlice
      Feb 04, 2014 @ 14:35:48

      Sono state 24 ore sui mezzi pubblici del tipo ‘ho visto cose (…) che voi umani non potete immaginare’…
      E pensa al fiatone con la bronchite!!!
      Comunque grazie del complimento!!!

      Mi piace

      Rispondi

  5. doroty86
    Feb 04, 2014 @ 22:46:54

    Oh mammaaa ho letto la tua “avventura” tutta d’un fiato e mi è venuta la fobia dei mezzi pubblici!!
    Complimenti per la capacità di reazione 😀 e anche per come scrivo, hai reso tutto molto appassionante.
    Ma una curiosità mi è rimasta…cos’avevi dimenticato a lavoro??

    Mi piace

    Rispondi

  6. Andrea Magliano
    Feb 05, 2014 @ 19:04:47

    Ed io che mi lamentavo dell’autobus oggi, stracolmo di gente e tutti con gli ombrelli bagnati che se anche eri scampato al diluvio fuori ti infradiciavi dentro!
    Ricordo le peripezie con Trenitalia e non, un vero e proprio incubo. E le tue disavventure lo fanno riaffiorare eheh A fine giornata avrei avuto l’occhio da psicopatico pronto alla strage o per l’appunto il raggiungimento del Nirvana!
    Ma il lieto fine, con l’abbraccio del bimbo, è stato la cosa più bella 🙂

    Mi piace

    Rispondi

What do you think about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.