Annunci

“Perchè le stelle son sogni e non posso lasciarle spente”

“Mamma, io da grande voglio fare lo stelliere!”

Questa frase, detta di getto e con intensa convinzione dal mio bimbo qualche mattina fa, mentre ci stavamo preparando per andare all’asilo, mi è rimasta in testa…ed eccomi qua a scrivere dello ‘stelliere’…

Chiiii????? Direte voi…

Questo nobilissimo mestiere nasce dallo Zecchino d’Oro di qualche anno fa, e io che ho messo in stand by la mia musica preferita (che va dai cantautori italiani ai Beatles e Rolling Stones, passa da Janis Joplin fino ai Led Zeppelin, i Deep Purple, poi vira sulla disco music, per tornare ai Doors e con questi giri potrei andare avanti mezz’ora…) per rinnovare la mia cultura musicale con tutte le canzoni per l’infanzia, condite da annessi e connessi di revival di cartoni animati e nuovi virus come la Peppa Pig…io dicevo ho conosciuto lo ‘stelliere’ nell’estate di due anni fa, quando accompagnavo il mio bimbo di un anno allora a ‘ballare’ la ‘baby dance’ nel campeggio dove trascorrevamo la nostra smilza settimana solitaria di vacanza…

La canzone chiudeva la serata danzante…e dopo, come Carosello, tutti a nanna…

Ma ammetto, che già allora mi aveva colpito…forse perchè lo ‘stelliere’ è quello che ‘accende’ le stelle…e le stelle esercitano su di me uno strano potere magico di fascinazione assoluta…

Se poi si aggiunge la teoria che le stelle sono sogni…e l’accostamento lo ammetto non è per niente male…è facile comprendere quanto importante sia il mestiere dello ‘stelliere’, che non può lasciare spente le stelle, perchè le stelle sono i nostri sogni, e devono sempre rimanere accesi…

Il testo ad un certo punto recita:

” (…) Proprio come una stella ogni sogno sembra lontano
Ma è molto più vicino di quanto immaginiamo
E non devi fare altro che crederci veramente
Io penserò alle stelle…non le lascerò mai spente! (…)”

Affiderò anche i miei di sogni al mio bambino, quando sarà grande e farà lo stelliere…se me ne sarà rimasto ancora qualcuno…se non si saranno irrimediabilmente spente per allora tutte le mie stelle…

Lo stelliere

(Zecchino d’Oro)

Abito nel cielo dall’altra parte della luna
Dove volano i sogni in cerca di fortuna
Accendere le stelle è questo il mio mestiere
Io di notte faccio… lo stelliere

Come immaginerete le stelle sono tante
E faccio una grande fatica per accenderle tutte quante
Su e giù per l’universo ininterrottamente
Perché le stelle son sogni e non posso lasciarle spente
Oh no…oh no…
E allora accendi le stelle tu sai come si fa
Per ogni stella che brilla un sogno nascerà
Accendi le stelle, accendine più che puoi
Sulle stelle ci sono tutti i sogni che facciamo noi.

Proprio come una stella ogni sogno sembra lontano
Ma è molto più vicino di quanto immaginiamo
E non devi fare altro che crederci veramente
Io penserò alle stelle…non le lascerò mai spente!
Oh no…oh no…
E allora accendi le stelle tu sai come si fa
Per ogni stella che brilla un sogno nascerà
Accendi le stelle accendine più che puoi
Sulle stelle ci sono tutti i sogni che facciamo noi.

Adesso se mi chiedono da grande che vuoi fare
So cosa rispondere, so cosa sognare
Accendere le stelle, sarà questo il mio mestiere
Voglio fare anch’io….lo stelliere
E allora
Accendi le stelle tu sai come si fa
Per ogni stella che brilla un sogno nascerà
Accendi le stelle accendine più che puoi
Sulle stelle ci sono tutti i sogni che facciamo noi.

Accendi le stelle,
Accendine più che puoi
Accendi le stelle!

Annunci

Fragilità – Intesomale – Come ti senti?

Disturbo Narcisistico della Personalità…
Ahiahiahi…

i discutibili

muro

Si chiama Disturbo Narcisistico della Personalità. NPD. Come Nantucket Police Department. Come Non Passarmi Davanti. Mi hanno spiegato come funziona, me lo hanno spiegato tre persone diverse che si occupano per lavoro di controllare che il cervello degli altri non esca loro dalle orecchie o da fori meno naturali. Ed è una cosa seria, perché è una cosa endemica. Ci sono stati decenni in cui il male endemico era l’isteria. Poi ci sono stati decenni in cui il male endemico era l’anoerssia. E adesso il male endemico è il narcisismo.

Sostanzialmente, sei in parte anafettivo e in parte dipendente, o almeno così l’ho capita io. Anaffettivo perché usi gli altri, e non te ne accorgi, credi di partecipare a uno scambio d’amore e presenza e in realtà ti nutri della loro attenzione, della loro stima, del loro affetto. Dipendente perché se questa attenzione e questa stima non arrivano tu…

View original post 437 altre parole