Annunci

LIEBSTER AWARD #5 (…and the questions are…)

LIEBSTER AWARD

liebster-award   

Dopo quattro sere trascorse a rispondere alle domande che mi erano state poste in occasione della consegna dei premi…per i quali ancora ringrazio i bloggers che mi avevano nominata…ora finalmente è arrivato il mio turno di formulare le 10 domande da rimandare in giro con nuovi premi!

Come ho già scritto nei giorni precedenti, non stilerò la lista dei bloggers nominati da me, e invitati di conseguenza a rispondere…un pò perchè seguo tutti quanti voi con grande ammirazione e voglia di imparare…e quindi dovrei nominarvi tutti quanti…e la questione sarebbe lunghetta…

Ma soprattutto perchè mi farebbe immenso piacere che chi passa a trovarmi in questo mio spazio di ‘libertà’ si senta coinvolto dalle mie domande e si prenda la libertà di rispondere, a tutte quante, magari solo a qualcuna, a una sola, o anche a nessuna…

E vi dico che alla fine forse la prima a rispondermi da sola sarò proprio io nei prossimi giorni…un pò ‘marzulliana’ come cosa, ma adoro interrogarmi sulle cose e potrebbe essere un ottimo terreno su cui seminare alcune riflessioni…

Bando alle ciance…ecco le mie 10 domande!!!

  • Cosa stai facendo per realizzare i tuoi sogni?
  • Qual’è il confine che separa la tua libertà dalla libertà degli altri? O meglio, dove finisce la tua libertà per non calpestare quella altrui?
  • Immagina di essere il fotografo che ha scattato questa foto (Kevin Carter, “Il bambino affamato e l’avvoltoio”, 1994):

File:Bambino affamato e avvoltoio.jpg

e di trovarti davanti la scena… Tu cosa faresti?

  • Qual’è il confine tra paura e codardia?
  • …e tra coraggio e stupidità?
  • Ti trovi a dover scegliere tra una situazione che farebbe felice te, ma infelice qualcuno a te molto caro, e una che fa star bene qualcuno a te molto caro, ma fa stare malissimo te…senza possibilità di avere il giusto mezzo per entrambi… Cosa scegli di fare?
  • Qual’è il tuo rapporto con la solitudine?
  • Cosa ti manca veramente di una persona importantissima per te, che è venuta a mancare?
  • Gli animali talvolta vengono definiti cattivi, o feroci… Qual’è la differenza tra un uomo e una bestia quando l’uomo arriva ad usare violenza, fisica o psicologica nei confronti di altri uomini, o animali, o cose?
  • Cos’è per te la musica?

Eccoci qua!

Finito!

Il mio premio passa adesso ad ognuno di voi che vorrà venire a farmi visita…

E per tutti quanti voi il mio GRAZIE immenso!

Annunci

LIEBSTER AWARD #4 (…last but not least…)

LIEBSTER AWARD

liebster-award   

Ho scoperto con mio grande stupore di essere stata nominata da ‘La ragazza delle arance’

http://miannoiounpo.wordpress.com/

da ‘Coppetta gusto Collins e Mazzantini’

http://evarachele.wordpress.com/

da ‘Pensieri Diretti’

http://pensieridiretti.com/

e da ‘Missporcupines’

http://ildilemmadelporcospino.wordpress.com/

per il Liebster award,  premio che nasce in Germania, premia i piccoli blog e, secondo il traduttore di Google, significa il premio per i blogghettari più cari tra quelli che segui, quelli a cui sei più affezionato…

Ho rimandato la scrittura di questo post, e quindi l’omaggio a chi affettuosamente mi ha nominato per il premio, per diversi giorni…e le 10 domande si sono moltiplicate e diventate quasi un test sulla mia personalità, una sorta di punto X da mettere nello scorrere dei giorni come una foto che ritrae quella che sono, qui, ora adesso…

Quindi capirete che la cosa si è fatta seria…

Come da prassi devo descrivere le regole del gioco, poi risponderò alle domande che mi sono state poste, infine formulerò le mie 10 domande, ma mi impegno a ‘non’ nominare  i prossimi vincitori….

Come ho fatto qualche tempo fa per un altro premio che mi era stato assegnato, preferisco non scegliere tra voi che mi seguite chi deve rispondere ai miei quesiti…ma vorrei che chiunque abbia qualcosa da dire in merito alle mie domande si senta automaticamente nominato e auto-obbligato a rispondere, a una, a qualcuna, a tutte…come vorrete….

Una sorta di ‘bomba libera tutti’ come si faceva da piccoli per vincere a nascondino e liberare il resto della ‘ciurma’ che era stato bombato prima di noi…

Quindi, per il giusto proseguimento, occorre che io elenchi il da farsi:

  • ringraziare e linkare il blogger che ti ha nominato e il suo blog   \/
  • rispondere alle 10 domande poste da chi ti ha nominato    \/
  • nominare altri blog che hanno meno di 200 followers     …e questo non lo farò…
  • ricreare 10 domande    \/
  • comunicare ai nominati la loro la nomina    ….siete tutti  quanti nominati a partire da adesso!!!…ma le domande arriveranno alla fine!

Ed eccoci arrivati alla fine di questo lungo botta e risposta di domande a raffica, con  le 10 domande di ‘Missporcupines‘:

1) Quale libro porteresti con te su un’isola deserta?

Il Piccolo Principe (Le Petit Prince), l’opera più conosciuta di Antoine de Saint-Exupery. Pubblicato il 6 aprile 1943 da Reynal & Hitchcock in inglese, e qualche giorno dopo in francese, è un racconto molto poetico che, nella forma di un’opera letteraria per ragazzi, affronta temi come il senso della vita e il significato dell’amore e dell’amicizia. Ciascun capitolo del libro racconta di un diverso incontro che il protagonista fa con diversi personaggi e su diversi pianeti e ognuno di questi bizzarri personaggi lascia il piccolo principe stupito e sconcertato dalla stranezza delle “persone adulte”. (…cit.)

Lo porterei con me perchè, in solitudine nella mia isola deserta, spererei ogni giorno di incontrare un ‘mio’ Petit Prince

2) Quali sono i tuoi tre telefilm preferiti?

Ne ho uno solo, vale lo stesso?

E’ White Collar, una serie televisiva statunitense prodotta dal 2009.

Creato da Jeff Eastin, lo show vede protagonisti Matt Bomer e Tim DeKay, e narra le vicende di Neal Caffrey, un giovane genio della truffa che si ritrova a lavorare come consulente per l’agente dell’FBI Peter Burke.

tv_white_collar05 (1)  images

L’ho incontrato per caso in seconda serata su Italia 1 alla fine del 2010, e mi ha talmente conquistato che mi son vista tutte le 5 serie, anche in straming in lingua originale…senza perdere neanche un episodio!!!

3) Hai un soprannome? Se sì, quale?

Ne ho avuti diversi…

Da piccola mio padre mi chiamava lumachina perchè ero lentissima a mangiare…

Da più grande mi hanno talvolta chiamato Trilly, come la fatina di Peter Pan…

4) A cosa non potresti mai rinunciare?

Ho imparato a mia spese, che si può rinunciare a tutto…l’essere umano è dotato di un immenso spirito di adattamento…

Diciamo che la cosa a cui sono più affezionata è la mia collezione di scarpe…

Durante l’ultimo trasloco ho dovuto fare pulizia anche lì…ma è stata una sofferenza!

5) Qual è il libro per il quale non hai potuto fare a meno di versare una lacrimuccia?

Il Miglio Verde” di Stephen King…

Concepito come un romanzo a puntate scritto in corso di pubblicazione, nella tradizione del XIX secolo e in special modo di Charles Dickens, pubblicato in sei volumetti a cadenza mensile, dal 28 marzo al 29 agosto 1996.

Io l’ho letto a puntate, quindi nella sua formulazione originale…e la tensione all’ultimo volume era diventata così alta che quando il protagonista viene ucciso sulla sedia elettrica, in preda ad immani sofferenze magistralmente descritte, io sono scoppiata a piangere e ho finito di leggerlo tra le lacrime…

6) Con quale scrittore vorresti intrattenere un amichevole tete à tete?

Con Chuck Palahniuk, l’autore di Fight Club, di Cavie, di Invisible Monster, di Soffocare, di Gang Bang

Un genio assoluto!

7) Quale scrittore, invece, non sopporti e manderesti volentieri a zappare la terra sotto il sole cocente?

Con questa risposta, lo so, mi inimicherò una larga parte di voi…

Ma non riesco a leggere Paulo Choelo…mi piacciono i suoi aforismi, condivido anche parte dei suoi pensieri in merito alla vita, all’anima, ai sentimenti…ma non riesco a leggerlo…non mi piace come scrive…e non c’è niente da fare…

8) Quale pensi che sia il tuo miglior pregio?

La caparbietà…l’ostinazione…

9) E il tuo peggior difetto?

La caparbietà…l’ostinazione…con l’aggiunta di una impulsività quasi compulsiva, e una forma di autocritica con tendenza patologica all’autodemolizione…

10) Spiega con motivazioni serie ad un tuo amico perché deve leggere assolutamente quel libro (titolo a scelta) o vedere tassativamente quel film (titolo a scelta).

Il libro è “Nessuno si salva da solo” di Margaret Mazzantini del 2011…

E’ un libro in cui l’autrice affronta i temi del rapporto di coppia e dell’anoressia reale ed emotiva.

Perchè leggerlo?  Perchè io leggendolo nel periodo più buio della mia vita ho capito che un’altra strada era possibile e ho cominciato a cercarla…e ho capito che ‘nessuno si salva da solo’, appunto…

Il film èEternal Sunshine of the Spotless Mind (titolo italiano “Se mi lasci ti cancello”…pessima trasposizione, come spesso accade…)

Perchè dovete vederlo è scritto qua:

https://crazyaliceandwonderland.wordpress.com/2013/12/22/l-amore-in-un-ok/

E’ un mio post del 22 dicembre del 2013…

——————————– O0O ———————————

Le vostre domande adesso son finite…

Ora devo preparare le mie 10 questioni da rimandare nello spazio iperuranico della rete…a chi vorrà raccoglierle e prenderle come spunto di riflessione…

Intanto si è fatta l’ora di preparare il pranzo e poi mi aspetta un pomeriggio di lavoro…

Il prossimo sarà l’ultimo…prometto!!!

See you soon!!!