Annunci

Il mio nuovo “translucent black”…

P1020659

Il ‘suo’ nome per intero è YAMAHA RBX 170 EW TRANSLUCENT BLACK, ma il nome è alla fine di ben poco rilievo…

E’ il mio nuovo basso elettrico!!!!

Finalmente, dopo le varie peripezie che ho dovuto affrontare, insieme al mio compagno (…che è anche il mio prof… già che lui è un bassista professionista bravissimo, ne approfitto…no? ) per averlo, in mezzo a coliche biliari e virus gastrointestinali che ne ritardavano l’acquisto…eccolo qua!

Ho iniziato a metter le mani su questo strumento circa un annetto fa, poco dopo aver conosciuto l’uomo che amo, e che pazientemente mi insegna…, e contro ogni possibile previsione, mi piace un sacco suonarlo!

Non sono per niente brava, riesco a ritagliare pochissimo tempo nelle mie settimane per poterlo suonare e imparare, tra il lavoro, il bimbo, le faccende e tutto il resto degli impegni quotidiani, ma quando riesco ad attaccare l’impianto e a provare a metterci su le mani, è una grande soddisfazione…

Finora mi esercitavo su un basso Hofner 500/1 che mi aveva prestato mio fratello ma, nonostante sia il modello di basso usato da Paul Mc Cartney, non mi ci trovavo bene, e il suono mi veniva sempre troppo ‘squittente’, poco rotondo, e mi sembrava sempre stonato, nonostante lo accordassi tutte le volte (…ehm…quasi…)…

Ma il mio “translucent black” dovreste sentire che bel suono che ha!

Mi piace tantissimo suonarlo, e finalmente mentre provo a strimpellare viene fuori un suono che mi piace!

Per oltre 10 anni, quando ero più piccola avevo suonato il clarinetto, avevo fatto l’esame del quinto anno, e mi sarebbero bastati un altro paio di anni di studio che mi sarei diplomata…ma per problemi economici e familiari ero stata costretta a smettere…

Ma il clarinetto fa tutte le note ‘in fila’, come dico io…la parte è scritta, e non si parla mai di accordi e quasi mai di improvvisazione, a meno di non esser talmente bravi da suonare del jazz…cosa che io non ero ancora arrivata a fare…

Per suonare il basso è tutto diverso…la musica quasi mai si legge, ma si deve sentire, insieme con il ritmo…e, nonostante per me cambiare questa prospettiva di linguaggio non sia facile, devo dire che mi affascina molto…il suono del basso si sente nella pancia…e le poche volte che riesco a suonarlo bene si sente sulla sua linea greve tutta la struttura del pezzo, tutta la sua solida base…

Che dire…sono sensazioni e nozioni nuove…ma mi piacciono!

E tanto per ribadire il concetto, questa è una mia piccola opera d’arte, incisa con il pirografo sul sughero, proprio per ringraziare la persona che amo, il mio maestro…che lentamente mi introduce al mondo del basso….al suo mondo…è bello condividere con lui la sua passione…è forse anche un modo per ‘parlare’ la stessa lingua…

IMG_20140202_150314

E adesso  ” bisogna esercitarsi…bisogna provare…provare…provare provare provare provare… e poi ci si riesce bene! ” (cit… da “Non ci resta che piangere” ,1984)

Annunci

13 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. samantagiambarresi
    Mar 14, 2014 @ 07:27:03

    Evvaiiiiii… finalmente 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  2. cordialdo
    Mar 14, 2014 @ 08:37:52

    Bella la tua pirografia! Esteticamente elegante il tuo nuovo basso. Amo la musica, dalla classica, al jazz alla leggera ma non ho mai suonato uno strumento, nemmeno l’armonica a bocca, ma credo sia una grande soddisfazione suonarlo. Certo ci vuole costanza nell’esercitarsi. In Alta Val Venosta, dove trascorro le mie vacanze estive, sono a contatto con un gruppo Jazz e alcuni di loro mi hanno detto che quotidianamente si esercitano per alcune ore sul loro strumento.
    Ciao, buona giornata. Osv

    Mi piace

    Rispondi

  3. ladykhorakhane
    Mar 14, 2014 @ 10:15:49

    Brava!! 😀 Io sto cercando di fare qualcosa di decente con la chitarra ma per ora sono un disastro -.-‘

    Mi piace

    Rispondi

  4. Topper
    Mar 14, 2014 @ 11:16:58

    Che belle cose! Complimenti!

    Mi piace

    Rispondi

  5. melodiestonate
    Mar 15, 2014 @ 11:18:01

    buona giornata e complimenti per il tuo blog…..Sara

    Mi piace

    Rispondi

  6. Trackback: alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 16.03.14 | alcuni aneddoti dal mio futuro

What do you think about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...