Annunci

Il 25 Aprile (come sempre…a modo mio…)

Certo eravamo giovani, eravamo arroganti, eravamo ridicoli, eravamo eccessivi, eravamo avventati, ma avevamo ragione.

(Abbie Hoffman)

Come al solito, quando si tratta di rispettare la data di una ricorrenza…io arrivo in ritardo…

Penso, elaboro, raccolgo le idee, rifletto…e scrivo poi più o meno con la meda di ritardo di una giornata…

Chiedo venia per questo…mi sforzerò di migliorare i miei tempi di reazione…di riflessione…

Ieri è stata la giornata commemorativa della Liberazione, un giorno fondamentale per la storia d’Italia (il 25 Aprile del 1945), simbolo del termine della seconda guerra mondiale nel paese, dell’occupazione da parte della Germania nazista, iniziata nel 1943, e del ventennio fascista.

Si ricordano i partigiani, le loro lotte paese per paese, le loro morti, i loro sacrifici, e i loro ideali di libertà, che hanno contribuito a costruire quella nazione a cui apparteniamo (e della quale molto probabilmente adesso molti di loro si vergognerebbero, se fossero ancora vivi…e magari ci insegnerebbero a farla di nuovo una guerra di Resistenza…molto più complicata, contro nemici invisibili e ramificati dentro le nostre vite come un veleno soporifero…)

Chi ancora vive, dei partigiani che hanno liberato l’Italia, oggi racconta…e sono degli anziani bellissimi nei loro volti scavati dal tempo ma fieri, orgogliosi, gli occhi ancora vivi di ricordi indelebili…e li vedi piangere mentre raccontano le storie incredibili, ma mai così vere, dei nostri nonni…

E così capita di sentir raccontare al vecchino che tante volte hai incrociato davanti alle porte della ‘Casa del Popolo’ che lui apparteneva alla brigata partigiana accampata sulle colline che sovrastano la casa in cui vivi…e che nel paese che adesso abiti c’era il comando fascista che tra i suoi proseliti aveva arruolato alcuni ragazzotti, e sapendo che erano fratelli di alcuni di quelli che si erano rifugiati nei boschi, li aveva mandati da loro, come infiltrati, come spie…e che una notte col paracadute era arrivato un soldato inglese, del quale nessuno riusciva a pronunciare il nome, ma che lo chiamavano “Il Tigre”,che aveva avuto notizie dal suo comando della presenza nella brigata partigiana di alcuni infiltrati che raccoglievano informazioni su postazioni e spostamenti e li comunicavano ai fascisti a valle…e che proprio in quella brigata c’erano due fratelli, uno partigiano, l’altro fascista, infiltrato…e che “Il Tigre” interrogava ad un certo punto il fascista infiltrato…e mentre quest’ultimo faceva per uscire dalla stanza dell’interrogatorio “Il Tigre” gli sparava alla testa…alle spalle, come un traditore…davanti agli occhi inorriditi, increduli del fratello partigiano…e che poi, una volta realizzato quello che era accaduto, il fratello partigiano crollava piangendo sulla spalla di un ‘compagno’ dicendo: “Era un fascista, sì …ma era sempre i’ mi’ fratello”

Questo è stato il ventennio fascista prima e la Resistenza dopo, in Italia… una guerra tra fratelli, che si trovavano prima dalla parte giusta e poi da quella sbagliata l’uno, e viceversa l’altro…ma sempre fratelli…

La nostra coscienza di nazione passa attraverso queste terribili lacerazioni, questo smembramento devastante di menti e cuori…

Comunque la si pensi oggi le persone che hanno liberato l’Italia, casa per casa, metro per metro, campo per campo, paese per paese, meritano oggi e meriteranno sempre il nostro ringraziamento, la nostra gratitudine…e soprattutto il nostro rispetto…

Io nel mio piccolo, non riesco in queste giornate di commemorazione, ad ascoltare o cantare “Bella Ciao” senza piangere…proprio non ci riesco…le lacrime mi scendono da sole, in modo istintivo, incontrollabile, totalmente indipendente dalla mia volontà di adeguamento alle formalità delle celebrazioni…

Anche quando da più piccola suonavo il clarinetto e mi trovavo ad accompagnare il corteo commemorativo insieme alla banda del paese mi trovavo in lacrime, mi toccava smetter di suonare, tirar su col naso e asciugarmi gli occhi con la manica della camicia…

Forse è sempre stato e sarà sempre il mio modo di dire grazie…tra i tanti…anche a mio nonno…che io non ho mai conosciuto… uno di quelli che non ha potuto raccontare…

Annunci

16 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ninjalaspia
    Apr 26, 2014 @ 23:33:32

    Una decina di giorni fa al parco ho conosciuto Teresa. Una bella signora che aveva 20 anni nel ’45. Sposa di guerra. Siamo state un’ora a parlare e mi ha narrato dell’amore e delle sensazioni, della fame e dell’odore della Milano bombardata.
    “Il 25 aprile è la mia festa” mi ha detto e ne ho compreso tutta la grandezza.
    Bellissimo post, Crazy. Non è importante arrivare in tempo, è importante dire la cosa giusta e tu l’hai fatto.
    Kiss 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  2. vagoneidiota
    Apr 27, 2014 @ 07:20:38

    Bellissimo post che mi regala l’immagine di due anziani accomodati su una panchina in un immenso parco privo di voci.
    Grandi le loro ombre. Immense sul mondo in cui viviamo.

    Mi piace

    Rispondi

    • CrazyAlice
      Apr 27, 2014 @ 12:51:21

      L’immagine che suggerisci è ancora più bella…
      Mi piace ascoltare i racconti degli anziani…è bella e ricca la loro voce…dai toni pacati ma sicuri, orgogliosi…stanchi, ma mai tristi…
      Buona giornata… e grazie!

      Mi piace

      Rispondi

  3. francescagarrisi
    Apr 27, 2014 @ 14:54:41

    grazie del bellissimo post … tra l’altro mi hai strappato un sorriso ricordandomi con quel film i tempi del ginnasio e il mio prof di lettere di allora.

    un abbraccio e felice domenica 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  4. afinebinario
    Apr 28, 2014 @ 09:28:43

    Un abbraccio a te e a tutti i tuoi ricordi 😉
    complimenti per il post
    Affy

    Mi piace

    Rispondi

  5. chezliza
    Apr 28, 2014 @ 11:27:04

    Rispondi

What do you think about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...