Vai al contenuto

Storia di due gatti che chiusero fuori casa la gentil dama…

Immag0087

C’erano una volta, in un tempo non troppo lontano, un bilocale al terzo piano di una palazzina alla periferia di Firenze, due gatti che lo abitavano insieme ad una damigella gentile, una sera di estate e un rientro a casa.

Era notte fonda, la damigella dopo il lavoro si era fermata in un locale con delle amiche e la calura estiva l’aveva riportata a casa ancora con gli abiti da ballo, i tacchi alti e un vestitino corto marrone, col corpetto di paillettes, sotto la chioma di riccioli raccolti.

Le chiavi giravano nella serratura della porta, ma la porta non si apriva…aveva chiuso e riaperto tante e tante volte, poi, data l’ora tarda e il disagio di rimaner fuori casa con cotanto poco abbigliamento, in una zona frequentata da cotante altre damigelle in vendita, le aveva suggerito una chiamata al corpo dei pompieri, per vedere se con l’aiuto di qualche prestante omone fosse riuscita a rientrare…

Erano arrivati in quattro, a bordo del loro imponente camione rosso…E tutti quanti si erano adoperati a turno, coi loro vari strumenti del mestiere (usavano una radiografia per aprire la serratura della porta…l’avreste mai detto che con una radiografia si riuscisse a scassinare una porta???)  per aprire quella maledetta porta bianca, che era aperta, di fatto, ma che non si apriva, quasi che fosse rimasta incastrata…

Un’ora abbondante di tentativi, ed erano le quattro del mattino, si erano arresi…

Dopo aver saputo dalla donzella che la portafinestra affacciata sul terrazzo era stata lasciata socchiusa, per lasciare un pò di aria ai gattuzzi che abitavano con lei, avevano deciso di chiamare ad ulteriore rinforzo un altra pattuglia di pompieri che avrebbero portato l’autoscala per arrivare al terrazzo…

Ed ecco che ne erano arrivati altri quattro di prestanti omoni del corpo dei Vigili del Fuoco…con grande frastuono avevano parcheggiato l’autoscala davanti alla facciata della palazzina e in due si erano arrampicati fino a sparire nel terrazzo e dentro casa.

La damigella aveva tirato un sospiro di sollievo nel vedere accendere le luci, in quel momento aveva avuto la certezza che sarebbe in qualche modo riuscita ad entrare…

Accompagnata dai sei pompieri rimasti al suo fianco nel cortile di casa, la damigella aveva salito, per l’ennesima volta quella notte, le scale del piccolo condominio fino al terzo piano, e al suo arrivo sul pianerottolo un prestante omone dei due che erano già in casa le aveva aperto la porta del suo minuscolo regno…ed erano le cinque del mattino…

In un clima di generale ilarità i due pompieri che avevano risalito la scala e con fare pioneristico erano entrati in casa per far rientrare la gentile donzella avevano spiegato che la porta non aveva mai avuto niente che non andava…semplicemente i due gattuzzi pestiferi, che in quel momento si erano rimpiattati sotto il letto, terrorizzati dalla presenta di tanti estranei, nel pomeriggio, giocando tra loro a ruzzerellare per casa in libertà, avevano spostato una piccola scarpiera che si trovava in un rientro del muro accanto alla porta e, mettendola a contrasto tra il muro e la porta stessa, avevano impedito che quest’ultima potesse aprirsi

“Ah questi bricconi di gattuzzi pestiferi!!!” aveva pensato la gentile donzella, mentre, dopo aver offerto una quasi dozzina di caffè agli otto prestanti pompieri che erano accorsi in suo aiuto, li salutava e ringraziava sull’uscio del suo piccolo regno che aveva finalmente riconquistato!

Davanti ad una tazza fumante di the, poco dopo, mentre già l’alba rischiarava le stanze inondandole di nuova luce, la gentile dama coccolava i suoi due bimbi pelosi…e ridendo li brontolava per averla chiusa fuori casa…ma era più il riso che la voce grossa…e loro, sornioni, chiudevano gli occhi a fessure sottili e attaccavano il loro inconfondibile concerto di fusa, che tutto faceva perdonare…   

(Dedicata ai bimbi pelosi GattoGigione, quello a sinistra, e alla piccola SignorinaPulce, la smorfiosetta a destra…)

 

54 risposte »

    • Grazie!
      Io seguo il tuo blog con molto interesse, dalle vostre composizioni cerco di imparare più possibile e migliorare sempre!
      Mi fa piacere che ti piaccia quello che scrivo in libertà!

      "Mi piace"

  1. E’ successa la stessa cosa a mia sorella e le sue coinquiline…il gatto di una coinquilina non ha spostato un mobile ma bensì ha girato il catenaccio…sai quelle rotelle sulla porta che girandole chiudono la porta e da fuori non ti si aprirà mai? Ecco anche loro alle 5 di mattina hanno dovuto chiamare i pompieri che dal balcone sono entrati in casa ed hanno aperto loro la porta! E il gatto? é stato tutto il tempo sul balcone a gustarsi la scena di mia sorella e la sua padrona disperate e stanche morte per la lunga serata! 🙂

    "Mi piace"

What do you think about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.