Vai al contenuto

Come ai vecchi tempi

17957_17957

(immagine dal web)

E’ sera, abbiamo appena finito di cenare…

Dalla porta giunge un bussare leggero…timido…

Mi avvicino e apro, lasciando la porta socchiusa, chè sennò mi scappano i gatti…

Mio figlio gioca sul divano… ho messo i piatti nel lavello e devo rigovernare…

E’ un ragazzetto biondo, esile, di 10 anni, uno dei bimbi delle case vicine, in questo borghetto affacciato su una stradina stretta, senza sfondo.

La voce è bassa…conferma la timidezza delle nocche che battevano sulla porta poco prima…

“Può venire Elio a giocare?” mi chiede abbassando lo sguardo…

Io rispondo che “sì, può venire”…ma devo rigovernare…mi giro…chiedo a Elio se vuole andare a giocare con i bimbi nella strada, e lui molla il tablet, alza le braccia e grida felice “Sììììììì!!!”

Mi arrendo… chiudo l’acqua, porto fuori mio figlio…e c’è il biondino esile, la bimbetta dallo sguardo furbo della dirimpettaia, un paio di ragazzi più grandi, il figlio grassottello e pestifero della signora della casa in fondo…e una palla…

Mi abbasso, guardo Elio negli occhi e con l’indice puntato al naso lo istruisco: “Stai insieme ai ragazzi più grandi, io sono dentro, devo rigovernare, ma sento la tua voce e non voglio che ti allontani…capito?”

Lui, guardando la palla mi risponde con la testa…Avvicino il dito…e allora si affretta a dire sbiascicando e già scattando verso la palla “Sì mamma! Ho capito…”

Ci sono due anziane signore che frescheggiano di fronte alla porta della casa vicina. Mi avvicino a loro e chiedo: “Me lo tenete d’occhio per qualche minuto? Rientro in casa, ho messo l’acqua, devo rigovernare…”

“Certo, vai! Te lo guardiamo noi!” Mi rispondono.

Rientro…l’orecchio teso…che non perde un decibel della voce di mio figlio…ha solo 5 anni ed è insieme a un 4, un 10, un altro 10 e a un paio di 12-13 massimo…

Ma sono felice da una parte…che fortuna che possa giocare in strada, come ai vecchi tempi…come ho fatto io!

La palla rimbalza…batte sulle macchine parcheggiate, ma nessuno se ne cura…e loro giocano, gridano, ridono…

Ragazzi, quanta bellezza i bambini che giocano…

Dall’altra mi rendo conto che il mio cucciolo sta crescendo…e lentamente ‘devo’ perderlo di vista…e un pò me ne dispiace…è la concretizzazione del tempo che passa e lo rende grande…

Rimane il mio orecchio teso…rimarrà sempre…

24 risposte »

  1. Prima di passare in un appartamento abbiamo abitato in una casa singola, in una via chiusa molto tranquilla. Le mie figlie erano piccole allora, ma passavano i pomeriggi fra casa nostra e le due dei vicini (cancelli aperti in permanenza) e la strada, con quattro amiche diventate praticamente sorelle. Penso che non se lo dimenticheranno mai. Buona giornata Alice!

    Piace a 1 persona

  2. Sei una brava mamma! È giusto lasciarli andare da soli, a piccoli passi, fin da piccoli, in modo che, quando verrà il momento di lasciare il nido, siano pronti a volare. Mi viene da sorridere se penso al tempo lontano in cui mio figlio voleva andare a fare la spesa da solo a quattro anni…
    Spenzolata fuori dalla finestra, lo guardavo allontanarsi di pochi metri per raggiungere la bottega, sullo stesso marciapiede di casa mia. Era così piccolo che ordinava “prosciutto rosa” o “prosciutto rosso“ a seconda che si trattasse di prosciutto cotto o crudo e poi diceva: ” Paga mamma!”. Quanta felicità nei suoi occhi quando ritornava! Come si sentiva grande!

    Piace a 1 persona

  3. il tuo racconto mi ha commosso. i bimbi che giocano in strada sono una specie di memoria costante anche della nostra infanzia. L’altra sera ero abbastanza incazzata, camminavo di fretta e sovrappensiero, finchè a terra ho visto un groviglio di disegni fatti coi gessetti colorati, e lo schema di una campana, a cui anch’io giocavo da piccola. questo dettaglio è stato come uno zuccherino nel caffè 🙂

    Piace a 1 persona

  4. Quando sono venuta ad abitare in questa casa la strada era senza uscita, di conseguenza le uniche macchine che passavano erano “di casa”. Allora eravamo tutti genitori giovani, con due o tre figli a testa che tutti insieme giocavano in strada, d’estate fino alle ore piccole. Ogni tanto qualcuno si affacciava per vedere se era tutto a posto…. Le mie figlie dicono sempre che hanno avuto una infanzia magnifica…Qui ora non c’è più nessun bambino a giocare…sono contenta che il tuo bimbo abbia la stessa possibilità delle mie, è una bella lezione di vita!

    Piace a 1 persona

What do you think about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.