Annunci

Di curve e strade, di orgoglio e malinconia

Una mattina storta, di quelle che ti svegli col mal di testa, e lo senti ancora prima di aver sollevato la faccia dal cuscino…lassù, feroce…

E provi a stare ancora ad occhi chiusi…così magari passa…e invece non passa, lui è lì…e allora ti alzi, e provi a mettere qualcosa in bocca e prepari il caffè, ma ad ogni movimento, ad ogni battito di ciglia il dolore quasi ti dà le vertigini…e poi mangi…e lo bevi il caffè…e arriva la nausea…e il moment, in dose da cavallo, il divano, la testa appoggiata e speri che passi presto…

E poi avevi fissato di raggiungere delle amiche in un punto di ritrovo vicino a casa, per andare insieme in un posto ben più lontano, in campagna, a festeggiare la primavera insieme ad altri meravigliosi amici che stanno riuscendo a portarti fuori dal guscio, a farti tornare la voglia di stare in mezzo alla gente, ti stanno aiutando a rinascere, mettendo goccia dopo goccia il concime più fertile della condivisione, alle radici della tua anima, nell’incavo più nascosto delle tue ferite…

E allora avviso che non mi sento bene, che si avviino senza di me, ma appena il moment farà il suo dovere le raggiungerò, perchè ho voglia di sorrisi, di abbracci, di festa, di primavera dentro anche se il sole non c’è e il cielo plumbeo non lascia molto spazio a raggi di calore…

Così respiro, il dolore lentamente scema, mi vesto, un velo di trucco, perchè mi fa bene, perchè me lo merito, perchè ancora non è finita la partita…e mi avventuro…

Imposto la destinazione sul navigatore…segnale GPS assente dice la signorina dalla voce meccanica…poi ogni tanto si sveglia, dando un indicazione a caso, così, dispersa nel silenzio…poi segnale assente…mi perdo…sono persa…e forse non solo per la strada…gran brutta sensazione…

Mi fermo prima dell’uscita dell’autostrada, studio la mappa…sarà complicato, lo sento, lo so…il cielo nuvoloso non aiuta l’ottimismo e infilo in luoghi sconosciuti, scarso orientamento, quasi come andare al buio…

Presto la strada lascia i centri abitati, e lo farà più e più volte a seguire…e comincia a salire il senso di smarrimento, non so dove sono, non so dove devo andare…segnale GPS assente…

E allora la mia mente comincia a vagare, nel silenzio dell’autoradio spenta per non perdere nessuno dei segnali intermittenti di vita del navigatore, nel saliscendi di curve, di tornanti, di bosco…e penso che non c’è un uomo lì con me…

Gli uomini sono più avvezzi a macchine, curve, strade, c’è da riconoscerlo oggettivamente alla categoria, ne sono appassionati fin da piccoli, dalla pista elettrificata di uno dei primi natali della loro vita, passando dai motorini dell’adolescenza, fino alle macchine sportive a prolungare nella perfezione della carrozzeria e nella pulizia degli interni il loro ego di maschi.

Noi donne siamo più avvezze a scarpe e abiti nuovi…c’è da riconoscerlo, per quanto si voglia sbandierare l’uguaglianza tra uomini e donne, non lo siamo uguali…magari ci completiamo, ma uguali proprio no…

E un uomo alla guida della mia macchinuccia vecchia e sgangherata, nella mia mattinata di ricerca di un luogo e una compagnia che sapevo mi avrebbero resa felice, ci sarebbe voluto proprio, giusto per arrivare in quell’oretta abbondante che la signorina GPS aveva annunciato alla partenza essere il tempo necessario per l’arrivo a destinazione, salvo poi mollarmi da sola come una pessima amica, di quelle stronze bene…invece delle tre ore che mi ci sono volute poi, una volta deciso che, in assenza oggettiva di un uomo, io in quel posto ci sarei arrivata, ci fosse voluta anche tutta la giornata…

Perchè io un uomo accanto lo vorrei…anche solo per circondarmi con un abbraccio la sera e dirmi che è ora di smettere, che posso fermarmi, che da lì in avanti ci pensa lui…a tutto quanto… a tutto il resto… a me…ma non ne ho bisogno…

E così andavo, alla ventura, persa, nel bosco, chiedendo indicazioni alle signore anziane vicine ai gruppetti di case che ogni tanto interrompevano la vegetazione, e tutte scuotevano la testa, mentre mi davano le loro indicazioni sconclusionate, come a dire che non ci sarei mai arrivata in quel posto, che non avevo speranza…

Ma quando tornava il bosco e la campagna, erano ulivi verdi e fiori, cespugli in rinascita e alberi dalle chiome non spoglie o verdi,  ma bianche e rosa, colorate, tinte di primavera…finalmente… a dispetto di cielo grigio e malinconia…

Ci sono arrivata alla fine…ultima, ma presente…e pronta a prendermi il mio pomeriggio di felicità, i miei abbracci, i miei sorrisi, la mia domenica, la mia partita a palla, la mia primavera, il mio squarcio di felicità.

Perchè volevo esserci…

Perchè la primavera mi appartiene e la reclamo, come mai nella mia vita prima di ora…

Perchè io la felicità me la merito, fosse anche solo uno squarcio di luce…

Perchè mi sono persa, mi perdo e continuerò a perdermi…ma alla fine, io, la strada la trovo.

Annunci

4 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. silviacavalieri
    Mar 21, 2016 @ 09:49:04

    Siccome i navigatori sono traditori, a volte ci sono, a volte non ci sono, a volte, pur essendoci, ti danno pessimi consigli, come mandarti in una strada così stretta che, se non esci velocemente a marcia indietro, ti ci incastri (mi è successo, lo giuro!), come alternativa stampati una bella Michelin map. Può rivelarsi davvero utile. Una volta i navigatori non c’erano, eppure ce la facevamo lo stesso, anche in mancanza di uomini con l’istinto del piccione viaggiatore. A proposito, non tutti gli uomini ce l’hanno. Comunque sono contenta per te, che con tenacia tutta femminile, cominciando dalla vittoria sul mal di testa, ti sei conquistata il primo giorno di primavera!

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  2. Silvia
    Mar 21, 2016 @ 17:51:31

    Hai fatto bene, hai insistito e ce l’hai fatta come sempre, perché te lo meriti! 😉

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  3. Drimer
    Mar 25, 2016 @ 22:10:33

    Ho riletto, ti dico brava…anche senza GPS.
    Un sorriso meritato 😉

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  4. Papillon1961
    Mar 26, 2016 @ 11:17:34

    Come sempre belle riflessioni e anche un bel racconto coinvolgente.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

What do you think about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...