Annunci

Mobili in sogno

20160830_231247

E’ arrivato il nuovo catalogo IKEA.

Ha qualcosa a che fare coi sogni il catalogo IKEA, una sorta di evoluzione 2.0 della casetta del Mulino Bianco di quando eravamo piccoli.

E ha qualcosa a che fare coi sogni soprattutto nelle pagine in cui mostra la sua mercanzia inserita in patinate foto di quadretti familiari pieni di gente che vive quegli spazi con un senso di rilassatezza e di serenità, ben poco simili alla vita di tutti quanti noi, decisamente più frenetica e veloce.

La corsa si ferma, nei volti sorridenti che spuntano tra le pagine del catalogo IKEA.

E ti ci fermi un attimo anche tu a pensare che non ti dispiacerebbe che quell’ammasso di faccende da fare, panni da stirare e giochi sparsi qua e là che tu definisci casa, almeno qualche volta, fosse come quelle rappresentate nelle fotografie. Un bell’uomo che ti sorride portandoti il caffè su un vassoio dal nome impronunciabile, il tuo bambino docilmente affaccendato a disegnare accanto al tuo computer, tutto ordinatamente sistemato su una scrivania da un altro nome altrettanto impronunciabile.

Poi scorri sui vari articoli del catalogo, e te lo immagini quel divano letto al posto del tuo di seconda mano e quasi arrivato a fine corsa…o una libreria accanto al mobile tv dove poter finalmente portare tutti i tuoi libri, i tuoi film e la tua musica, che hai ancora posteggiati a casa dei tuoi, residui dell’ennesimo trasloco mai terminato…o tutti i calzini e gli slip divisi all’interno del cassetto nel tuo cassettone, dove invece è tutto talmente arruffato da far fatica quasi la mattina a tirarne fuori l’abbinamento scompagnato che costituirà la tua scalcagnata lingerie…o le tende nuove alla finestra…o il portasapone in bagno…

Poi torni alla realtà e ti ricordi dell’ultima volta che ci sei stata da IKEA, quando dovevi prendere l’armadio per la cameretta del tuo bambino, e sei stata costretta a prendere quella che costava meno, senza troppi giri di parole, e comunque alla cassa ti è preso un colpo quando ti hanno detto la cifra da pagare, perchè tra quegli immensi scaffali, accidenti a loro, qualcosa dal nome impronunciabile e che non era indispensabile, come una coppia di piatti (solo due, che tanto siamo solo io e mio figlio e non ne servono di più…) neri, quadrati, che ti piacerebbe tanto avere al posto di quelli bianchi che ti ha passato tua mamma, o altre diavolerie del genere, alla fine ti rimane attaccato alle mani…

E ti ricordi poi della fatica che hai fatto a portarlo in camera quell’armadio, perchè è vero che te lo portano a casa e te lo montano, ma finisce che ti costa come l’arredamento Scavolini di Carlo Cracco, che non ti puoi permettere… e delle bestemmie per montarlo quell’armadio per poi accorgerti che una vite tra le 200 l’avevi anche montata male e per rimediare avevi due possibilità: smontare tutto di nuovo e allora sì che avresti fatto casino o cercare di rimediare con altre viti e colla mille chiodi…

Così sogni, col catalogo IKEA…e, credetemi, è bello il catalogo IKEA, proprio perchè appartiene al mondo dei sogni… a basso costo, e che alla fine, ti tocca montare da solo…più o meno come tutti i sogni, quando poi diventano realtà, mai belli come quando li avevi pensati.

Il nuovo catalogo IKEA mi aspetta…io vado a sognare, un pò, prima di andare a letto.

E quando arriverà il momento di buttarlo via troverò le pagine segnate con gli orecchi all’angolo, e rivedrò allora un divano, una libreria, una tenda, un portasapone…che mi sarebbero piaciuti, nella mia casa dei sogni, in una sera di fine estate.

Annunci

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. gianni
    Ago 31, 2016 @ 00:26:59

    Mi hai ricordato un catalogo di tutt’altra natura e che per fortuna riportava oggetti da montare ma che tornavano con le istruzioni, ovvero il catalogo Lego! C’era Lego Technics, Lego City, Lego Spazio, Lego Treno! Lo so, non c’entra niente con questo catalogo né con il tuo articolo… Ma deve essere il sonno, e ciò che ho letto mi ha fatto partire questo (embolo?) film mentale. Oh, ovviamente guai a fare orecchi ai sacri oggetti… Che ahimé costavano grossomodo come un armadio Ikea e che spesso restavano sogni. Ma che Natale quel natale dove arrivava la scatola colorata…
    Grazie per il ricordo, di rimbalzo.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  2. ilgattosyl
    Ago 31, 2016 @ 07:23:06

    Lo sai che dopo la bibbia il catalogo Ikea è il prodotto editoriale piu stampato al mondo?

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  3. samanta giambarresi
    Ago 31, 2016 @ 12:52:18

    Hai perfettamente ragione: il catalogo Ikea fa parte del mondo dei sogni!

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  4. vaninarodrigo
    Ago 31, 2016 @ 15:44:01

    Ikea, non potevi descriverlo in modo migliore i “sogni ikea”, che tu entri per comprare solo quello che ti serve e vorresti uscire con tutti i complementi arredo.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  5. tuttotace
    Ago 31, 2016 @ 22:11:04

    Quest’anno sono passata alla versione online. Forse è un segno.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

What do you think about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...