Annunci

Proposito per il nuovo anno

La fine dell’anno si avvicina a grandi passi.

Un bilancio…mumble mumble…

Non è andata affatto male, nonostante tutto. Anche le cose più spiacevoli o i momenti più offuscati sono stati forieri di spunti di riflessione e di crescita, quindi non me ne lamento, anzi ne ringrazio la presenza ostile che in qualche modo mi ha resa quella che sono oggi.

La consapevolezza più importante, che si è resa tangibile e che ha reso i brutti momenti solo offuscati e non bui, è stata quella, del tutto nuova per me, di aver scoperto che una serie di luci (non so definire se tante o poche, direi giuste per me e sicuramente ognuna preziosa a suo modo), sono sempre accese al mio fianco, in ogni tratto dei percorsi lisci e in ogni scossone o scivolata, e sono quelle di nuovi e vecchi amici divenuti, giorno dopo giorno, veramente luminosi e pregiati alfieri della mia vita.

A loro, ad ognuno di loro va la mia gratitudine.

E adesso un unico proposito…mumble mumble…

Nel prossimo anno voglio impegnarmi a diventare CATTIVA.

Detta così potrebbe sembrare una frase rancorosa carica di malumore e malessere.

In realtà non lo è.

Nasce come estrema sintesi di esperienze e pensieri scomposti che si perdono nella notte del mio tempo e che solo adesso hanno assunto una forma netta e ben definita.

Chi non ‘sente’, chi non ‘ascolta’, chi non ha l’impulso atavico e irrefrenabile di ‘comprendere’, di mettersi sempre e comunque nei panni dell’altro, di scambiare emozioni in modo empatico, di cercare di trovare spiegazioni o giustificazioni a comportamenti dannosi per se stessi e per gli altri, ci è ‘egoista’ senza aggettivi che ne ammorbidiscano la netta chiusura alle emozioni… insomma, in una parola sola, chi è ‘cattivo’ vive meglio.

Per il semplice motivo che non si pone il problema, quindi non ne cerca perennemente una soluzione, non si interroga sulle cose dell’anima, della mente e del mondo e non se ne interessa, perchè, in fondo, non se ne sente parte.

Chi è ‘cattivo’ riesce a mettere davvero al centro della propria esistenza solo e soltanto se stesso, senza accettare compromessi, senza nemmeno vederne la necessità o la possibilità.

Non si pone il problema, di niente, di nessuno, in ultima analisi nemmeno di se stesso.

E in questa aridità emotiva chi è ‘cattivo’ vive alla grande!

Ecco allora che per il prossimo anno voglio allenarmi duramente, lavorare sodo per diventare ‘cattiva’ e quindi sospettosa, disinteressata a qualsiasi cosa accada, ‘sorda’, ‘cieca’ e ‘muta’ alle emozioni.

Abbandonare la bontà, la comprensione, l’ascolto, la compassione, la bontà, l’empatia, il dialogo, il compromesso.

E riservare tutti questi aspetti, che sono e rimarranno la parte migliore di me e che, sono certa, non riuscirò ad eliminare, ma solo a tenere a bada e a nascondere, solo e soltanto a chi ne è degno già oggi e a chi sarà in grado di conquistare la mia fiducia al punto di esserne degno.

Sarà una gran lotta contro la mia natura, che da sempre ha dato fiducia incondizionata alle persone credendo fermamente che siano buone fino a prova contraria e rimanendone sempre, costantemente, delusa e scottata.

Bene, da domani si cambia registro e lavorerò contro me stessa perchè arrivi a considerare le persone ‘cattive’ fino a prova contraria.

Si chiama istinto di sopravvivenza, forse.

O, più semplicemente mi sono definitivamente rotta le palle di prendere palate di merda da ogni direzione.

O forse ancora è arrivato il momento di verificare il detto per cui “non c’è peggior cattivo di un buono quando diventa cattivo”.

Ed è arrivato il mio turno di essere ‘cattiva’.

Il mondo non si merita la parte migliore di me, è solo uno spreco.

E allora la riserverò solo a chi sarà in grado di ‘vederla’ e ‘sentirla’ sotto la scorza da stronza che mi costruirò, un pò come la favola della principessa sul pisello.

Ecco, la parte migliore di me sarà ben nascosta, come un minuscolo pisello, sotto venti strati di materassi di ‘cattiveria’ e solo chi passerà un’intera notte insonne alla ricerca indefessa di quello che c’è ‘sotto’ allora sarà degno di conoscere la vera me.

Perchè io sono merce preziosa, e rara, e luminosissima… e “i diamanti non si danno ai maiali, non sanno che farsene”.

Dimenticavo…

Per tutti, ma forse per l’ultima volta, Buon Anno!

(immagine dal web)

Annunci

4 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Silvia
    Dic 31, 2016 @ 12:26:49

    Auguri di un Felice Anno Nuovo a te 🙂

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  2. le parole di paola-illaboratoriodipetunia2
    Dic 31, 2016 @ 13:02:56

    cari auguri da una buona che vorrebbe diventare cattiva ma non ci riesce da sempre…paola

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  3. Francesca Menghi
    Dic 31, 2016 @ 15:10:50

    Per quello che sono riuscita a sentire di te,leggendoti…non ci riuscirai mai😘Auguri di cuore a te,al tuo Piccolino e a tutte le luci che ti accompagnano#Buon2017!❤️🍀❤️🍀

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  4. silviacavalieri
    Dic 31, 2016 @ 21:19:13

    I buoni non finiscono mai di esserlo… però ti capisco, c’è stato un tempo in cui avevo persino cambiato colore di capelli per migliorare la cattiveria cui, come te, ardentemente aspiravo. Ora ho smesso i capelli rossi e mi sono quasi rassegnata ad essere buona. Augurissimi, con tutto l’insopprimibile cuore!

    Liked by 1 persona

    Rispondi

What do you think about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...