Annunci

OGNI VITA RIDUCE LE INFINITE POSSIBILITA’ A UNA: IL NULLA.

29/09/08 notte, come sempre…

La cosa veramente assurda di questo trascinarsi di giorni è che non c’è rimedio alla solitudine.

E’ una condizione che ero convinta di subire, di meritare, quasi una punizione per una mia malefatta di cui non avevo memoria ma che avevo combinato in questa o in vite precedenti di cui ero all’oscuro…

In realtà non è assolutamente una mia “colpa”, anzi sicuramente è una conseguenza, la più logica conseguenza di una serie di scelte.

Sto imparando a conoscerla, la mia solitudine, non mi spaventa più come in passato, mi ci sto abituando e, sì, comincia a piacermi.

Ma la vera domanda è un’altra, credo…e cioè come si spiega che non esista una persona, un uomo, che abbia il piacere di avermi accanto, di trascorrere del tempo con me…preciso, di trascorrere del tempo con me al di fuori della mia camera da letto… che abbia voglia di uscire con me, di portarmi ad un cinema o a cena…o semplicemente a fare una passeggiata?

Ho pensato a lungo che ci fosse qualcosa in me di sbagliato, e invece no!

Io non ho assolutamente niente di sbagliato, non c’è niente che dovrei fare diversamente da come faccio.

Senza falsa modestia credo di essere una grande piccola donna che da qualche mese ha tirato fuori il coraggio, si è presa la sua vita in mano e se la vive, la sceglie. Non la trascina, ma detta le regole, e per le tante cose che ancora non vanno cerca di farsi andare bene le situazioni attuali, con l’obbiettivo sempre ben presente di cambiarle o migliorarle se vanno strette o se sono costretta a mettere gli spilli per tener su i pantaloni o stringere la camicetta che per il momento è la mia divisa, la mia maschera.

Il problema in tutta questa storia non sono io. Il problema sono gli altri.

E sai qual è la cosa più grave? E’ che sto imparando piano piano a non credere più alle promesse o alle parole, così la delusione è sempre minore.

La cosa peggiore che può accadere è che perda la speranza che le cose nei rapporti con gli uomini possano ancora essere diverse da così.

Ma non l’ho gia persa la speranza?

                               “

Ho sempre avuto il vizio di scrivere. Anche prima di avere questo spazio virtuale da riempire di parole ero solita appuntare pensieri sparsi su un quaderno che conservo gelosamente in un angolo della mia libreria e sulla cui copertina campeggia la frase “Ti amo sopra ogni cosa”…consiglio, monito, mantra, sintesi, obiettivo…chissà.

Mi è capitato per le mani qualche sera fa, per caso, e si è aperto sulla pagina che ho trascritto sopra. 

Risale a nove anni fa, diverse vite fa, diverse esperienze fa, diverse cadute e risalite fa.

Eppure avrei potuto scriverlo oggi.

La cosa mi ha sconvolto.

Non tanto per il contenuto, che condivido tutt’ora, ma perchè ogni mio sforzo di crescita di questi nove anni alla fine non è servito a niente, sono sempre ferma lì, sono ancora quella donna lì, solo qualche anno più vecchia.

Le persone non cambiano, ne sono fermamente convinta. Credevo di essere cambiata un pò io, segnata e rafforzata dalle cicatrici di tante cadute. Ebbene non è così. E un pò mi tira il culo.

Evidentemente le cose della vita, le esperienze, i pensieri, le scelte, “fanno dei giri immensi e poi ritornano”. Evidentemente io SONO quel groviglio di cose lì, quell’insieme di pensieri lì, quella manciata di parole lì, quel mucchio di scelte lì. E non ha senso, forse, scappare da esse o tentare di cambiarle. 

Un anno prima ancora, dieci anni fa, mi appuntavo un pensiero letto su un numero della rivista Vanity Fair. Non ho segnato l’autore a suo tempo, non sono riuscita a ritrovarlo adesso. 

27/08/07

ALLA FINE, LA VITA CHE ABBIAMO AVUTO E’ LA SOLA POSSIBILE, NON SOLTANTO LOGICAMENTE.

CI APPARTIENE.

LE SCELTE CI HANNO SCELTO, NON SONO STATE PRODOTTE DA UN OSCURO LAVORATORE CINESE, MA DA UNA ZONA, OSCURA O CHIARA, DENTRO DI NOI.

ANDIAMO VERSO IL NOSTRO DESTINO, PASSO DOPO PASSO, SOMMANDO UNA DECISIONE ALL’ALTRA, SBAGLIANDO COMPAGNO O COMPAGNA, RECIDIAMO IL LEGAME, COMMETTIAMO ALTRI ERRORI PERCHE’ SIAMO SOPRAVVISSUTI E QUINDI POSSIAMO RIFARLO, NIENTE E’ COSI’ GRAVE.

SI POSSONO ANCHE AVERE IDEE CONFUSE, MA PER ESSERE IN DUE BISOGNA ALMENO CONDIVIDERE LA STESSA CONFUSIONE, NON ABITARNE UNA DIVERSA.

OGNI VITA RIDUCE LE INFINITE POSSIBILITA’ A UNA: IL NULLA.

                                      “

Forse forse, chiunque sia l’autore di questa epigrafe sulla tomba di ogni possibile sforzo di cambiamento del proprio percorso, ci vede davvero lungo.

Forse forse la cosa migliore da fare è lasciare che tutto scorra, senza opporre resistenza. E’ solo fatica sprecata.

Annunci

3 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. emcquadro
    Apr 09, 2017 @ 16:26:04

    Forse è come dici tu; la vita insegna passo passo, ma poi torna a reiterare.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  2. Poesie Stralciate
    Apr 09, 2017 @ 17:13:11

    La cosa migliore da fare è lasciare che tutto scorra…anche io sono arrivato a questa conclusione…ma non è facile, sto imparando.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  3. arielemag
    Apr 10, 2017 @ 08:02:38

    Io cambierei solo una frase. Come si spiega che non ci sia un uomo che IO abbia piacere che stesse con me etc etc etc……
    Noi siamo il nostro destino. Le nostre scelte sono gia dettate e allora bisogna solo gustarsele. Se volessi accanto un uomo, una donna, vorrei che le gustasse con me. Ma mi rendo anche conto che il mio percorso è talmente esclusivo che pochissimi possono capire.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

What do you think about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...