La 25° ora

Nell’ora inattesa

tra il giorno ed il sogno

lo specchio riflette

contorni sfumati.

    Viso stanco e ombre di muscoli tesi

    a sorreggere mondi

    di pensieri presenti

    e sogni spenti.

Luce e ombra

si sfiorano lievi

come un bacio

tra vita usata

e desideri attesi.

    Si accenna un sorriso

    pago di quello che è stato

    curioso di quel che sarà.

Attende la vita

che il sogno scavalchi

lo spazio del buio

per nascer di nuovo domani,

infilarsi nel mondo

e spegnersi nel tempo di un giorno.

    La notte, ogni notte

    nuova linfa darà

    al sogno che sogna

    diventare

    finalmente

    realtà.

E.