Annunci

Sette giorni

Ho lasciato il mio piccolo grande ometto dal suo babbo lo scorso sabato.

“Mamma, voglio stare qua dal babbo tutta la settimana!” sono state le sue parole domenica pomeriggio quando avevo chiamato per organizzare il suo rientro in serata. Va bene, ricordo di aver pensato, in fondo è l’ultima settimana di ‘libertà’ prima del rientro a scuola e ai ritmi da essa imposti, in fondo è giusto così, in fondo sapevo che doveva succedere che i rapporti tra ‘uomini’ prima o poi si rinsaldassero, o quantomeno iniziassero finalmente a costruirsi, in fondo sono contenta che stia accadendo, in fondo lo sentirò tutte le sere e appena mi chiede di andarlo a prendere lo andrò a prendere, in fondo io voglio solo che sia contento.

E così, sono sette giorni che non divido almeno una parte della mia giornata con il mio piccolo grande uomo. Ogni sera, mentre torno da lavorare lo chiamo e lo sento sereno, allegro, mi racconta di quello che fa nelle giornate con suo padre, quando è libero dal lavoro, o con la nonna e ieri sera, insieme al suo ‘babbone’, prima di cena, dividevano i buoni e i cattivi… e allora tra i buoni c’erano Benigni e il Lamalamalama (il Dalai Lama :-D), il Joker era un cattivo, Ironman il supereroe di tutti i supereroi, quindi per definizione il più buono tra i buoni. Bello sentirlo allegro!

E io invece sperimento, per il periodo più lungo da quando è nato, la sua assenza fisica. Ed è un susseguirsi di sensazioni strane, nuove, insolite, dimenticate… attese anche.

Uno strizzone allo stomaco arriva quando spengo le luci per andare a letto, perchè non posso appoggiare un bacio leggero sulla sua fronte e sentire il suo respiro addormentato… Ma per il resto non me la sto passando male.

Mi trattengo al lavoro senza la fretta di dover tornare a casa per ‘salvare’ mia mamma, anzianotta e un pò malandata in questo periodo, e restituirle un pò di pace dopo il pomeriggio trascorso a ritmi forzati tra compiti, partite a scopa e giochi dell’oca. E lavorare senza l”urgenza’ di dover passare quanto prima possibile dal lavoro di operaia a quello di mamma ha un che di piacevole.

Ho coltivato un pò di vita sociale, tra vecchie e nuove amicizie, un paio di aperitivi al barettino vicino a casa, una manciata di noccioline e qualche chiacchera con gente sorridente, almeno una decina d’anni più giovane di me, quindi ‘leggera’, priva di almeno qualcuno dei pesi della zavorra di casini che, in maniera direttamente proporzionale, aumentano man mano che ci si addentra nella vita adulta.

Mi sono regalata una serata speciale, cucinando per un uomo, a modo mio. Non amo cucinare e non so, non sono in grado di seguire le indicazioni di una ricetta, perchè la creatività non si misura al grammo, ma quando mi prende bene invento alla grande, e non era venuto niente male. Mi sono messa un abito, i tacchi, mi sono truccata… insomma, per una sera sono stata una donna e non solo una mamma.

Volevo anche provare a ballare. Sono andata alla lezione gratuita di prova di un corso di boogie-woogie, consapevole che non potrò seguire il corso, sia perchè non posso permettermelo, sia perchè gli orari non si incastrano con le necessità del mio cucciolo, ancora. L’ho mancata per un pelo…mannaggia… C’ero solo io nella lista degli interessati e non avevano fatto venire gli insegnanti da Firenze per una persona sola e poi a scrocco…uno dei tanti guai del vivere in periferia. Lo rifaranno il prossimo giovedì, ma venerdì sarà il primo giorno di scuola e quindi niente…passata l’occasione, pazienza. Ci riproveremo il prossimo anno.

Ho visto ottimi film spaparanzata sul divano coi gatti acciambellati sopra di me, ho letto, ho scritto, scrivo, anche adesso.

Domani sera ho un invito a cena.

Non è andata poi tanto male, dai.

Forse sto imparando davvero a stare bene con me.

Nonostante qualche attimo di recalcitrante nostalgia, imparo a far pace con la persona davvero più importante della mia esistenza. Io.

 

Annunci

3 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Giuliana
    Set 09, 2017 @ 07:15:08

    si deve volere bene prima a se stessi e concedersi piccole cose e dopo, l’amore che doniamo agli altri sara’ piu’ intenso e completo. ❤

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  2. AlViN
    Set 10, 2017 @ 11:33:38

    E’ sempre incantevole leggere le parole di chi guardando tra passato e presente , si racconta parlando al futuro, perché è di nuovo in piedi . In cammino.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  3. gorkye
    Set 26, 2017 @ 00:06:12

    Guarda che poi ti invito io e ti faccio crepare dalle risate …

    Liked by 1 persona

    Rispondi

What do you think about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...