Annunci

Analisi

Cesare Pavese, “Il mestiere di vivere”, 5 Dicembre 1937


Le analisi, quelle belle, razionalmente ineccepibili, perfette nella loro lucidità.

Quelle che ti illudi, speri, sogni che non siano vere. Ti sforzi anche di agire in modo tale da dimostrare che non lo siano.

Quelle che non ci vuoi proprio credere che siano vere, anche se in fondo lo sai che lo sono. Vere. Forse.

E in quel ‘forse’ ci infili il cuore. Tutto quello che hai.

Perchè “la solitudine (…) fredda e immobile” fa una paura fottuta, in questo sputo di cosmo in cui siamo precipitati.

Annunci

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. TADS
    Mag 14, 2018 @ 10:44:50

    la solitudine è una fedele compagna di vita, chi la evita o la teme in qualche modo evita e teme se stesso, è un concetto filosofico, non mi riferisco a te. Comunque l’amore produce solitudine più di ogni altra cosa, solitudine e isolamento.

    Liked by 2 people

    Rispondi

  2. Evaporata
    Mag 14, 2018 @ 12:59:08

    La solitudine cosmica è quella più difficile da vivere.

    Liked by 1 persona

    Rispondi

What do you think about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...