Sardine 2

Sapete perchè mi piacciono le sardine?

Perchè ci mettono passione.

Le osservo dall’inizio, e mi piacciono.

Perchè c’è un sacco di gente che crede in qualcosa, che ci perde del tempo, che ci si mette in gioco.

Ho visto gente di ogni età confrontarsi civilmente sulle pagine facebook.

Ho visto disegni e cartelloni e sardine e colori in un sacco di foto.

Ho visto sardine fatte con la lana, con la stoffa, ricamate. Di una meraviglia incredibile.

Le sardine han tirato fuori le passioni. Hanno donato il coraggio di cui avevano bisogno le persone per non avere più paura di tirar fuori le passioni e gridare al mondo: “Sì, a me piace fare questa roba qui!!!!”

Ha tirato fuori i talenti.

Ad ognuno i propri, sia in negativo che in positivo.

E’ tornata la passione.

E Bella Ciao è la canzone della passione. Di un partigiano che sognava di lasciare a suo figlio un paese libero. E del suo dolore, della sua passione, appunto, declinata nell’accezione latina del ‘patire’.

La passione è amore. In qualsiasi forma lo si declini. Ci sono infinite declinazioni dell’amore.

E l’amore è “ l’amor che move il sole e l’altre stelle“. Proprio quello lì.

 

FilastroccAmando

Ti amo.
Continui a sentirlo forte e chiaro, vero?
Ti desidero.
La tua pelle se ne accorge per davvero?
Arricchisci la mia vita.
Lo vedi quanto raccolgo da te per render più limpido il pensiero?
Ti bramo.
Ti accorgi della fame che sazia la tua presenza nei giorni di amor sincero?
Ti voglio bene.
Sai che ho bisogno che tu stia bene, perché fa star bene me nel mio sentiero?
Ti appartengo.
Conosci quanto sia libera quando mi muovo legata a te con desiderio?
Ti amo. E già lo sai.
Ti ho già detto quanto bello sia per me che tu mi conceda il privilegio di farlo sul serio?

San Valentino is coming to town

Succede a tutti.

Era successo anche a me.

Che archiviassi la “questione San Valentino” quattro anni or sono, vivendola negli anni successivi con indifferenza.

Indifferenza, mista ad invidia per quelle coppie che vedevo dimostrarsi reciprocamente l’affetto che li muoveva.

Indifferenza, mista a forte disillusione per l’effimera visione della circostanza, consapevole che le promesse di un giorno sarebbero puntualmente naufragate infrangendosi nelle paludi dei giorni.

Indifferenza, mista ad un sentimento molto vicino alla compassione per quelle medesime coppie incoscienti del fatto che anche quelle farfalle all’interno dei loro stomaci sarebbero bruciate, come tutto quello che tocca l’amore, al primo calore del sole di primavera.

Invece la vita, quella adorabile villana manigolda truffaldina puttana, aveva in serbo per me rinnovati sentimenti che credevo aver malamente esaurito nelle precedenti giocate al poker dell’amore.

Così, San Valentino ritorna, ma stavolta non è un’urgenza, non è un affanno, non è vuota festa comandata.

E’ un occasione.

Un’occasione in più per mandar fuori respiri d’amore a grappoli, quello che ormai ho capito esser la cosa, sopra tutte, che mi fa stare bene.

E non mi interessa che ci sia una contropartita. Non ho attese, non ho pretese, non ho urgenza, non ho affanno. Non ho vuoto.

Ho un occasione in più per dimostrare con niente o con tutto, con un pensiero o con un pacchetto, con un bacio normale o con una celebrazione speciale, che amo, che sono in grado di amare, che non posso non amare, che scelgo di amare. Che sono viva. Che sono io. Che non mi perdo.

E quest’anno San Valentino sarà questo. Un occasione in più per donare me. Così come sono. Così come non ha senso non essere. Così come io mi vedo allo specchio. Senza maschere.

Non si può trattenere un fiume in piena.

L’ “amor ch’a nullo amato amar perdona” va, non lo si può ingabbiare troppo a lungo. 

E allora che si apra nell’anima, tutte le volte che vuole, uno spiraglio, un evento, un’occasione, una ricorrenza, un giorno qualsiasi. Perchè possa andarsene, l’amore, fuori da me, e illuminare un pò un angolino di cielo con il mio sorriso.

Perchè quando amo, io sorrido.

– Mi vuoi sposare?

– No.

– Davvero No?

– Sì davvero no, non voglio sposarmi.

– Perchè non mi ami?

– Sì che ti amo ma non voglio che ci sposiamo – ecco se vuoi possiamo levare la S e ci “posiamo”.

– Ci posiamo?

– Sì ci posiamo su un bel prato di fiori magari, e dopo potremmo, se ti va, levare anche la P e così ci “osiamo”.

– Ci osiamo?

– Sì, perchè no, il prato di fiori, io e te che osiamo di noi, e magari quando i sudori saranno un odore solo, leviamo la O, così rimane il ” siamo”.

– Il siamo?

– Sì il siamo, la presenza, e una volta diventati una cosa sola , consapevoli, leviamo anche il SI per dare la nostra conferma al cielo, e tra noi rimarrá solo e per sempre ” amo”.

– Allora ricapitoliamo, sposiamo,  posiamo, osiamo, siamo e amo giusto?

– Giusto.

– Lo voglio.

(Gio Evan – da “Passa a sorprendermi”)

Rito

(“Dopo il bagno: donna nuda che si asciuga”, Federico Zandomeneghi (1841-1917), pastello su carta montata su pannello d’artista, 1895)

 

Esiste un rito che prelude all’incontro degli amanti.

 

E adesso che mi hai viziato nell’attesa di te,

cominciano a mancarmi, nell’ora della prima sera,

quei gesti che compio per rendere a te

la parte migliore di me

in cambio del dono che mi fai

di te.

 

Rendono vivo il tempo quegli atti usati dei giorni uguali,

resi scelti e speciali dal trepidante pensiero

di quel che sarà

il rivedere il tuo viso.

 

Manca adesso il sacro rito

del nostro incontro

e della sua attesa. 

Primavera a Novembre

(immagine dal web)

Mani intrecciate suggellano anime unisone.

Passi vicini come percorsi e comuni in uno stralcio di vita.

Luci fredde di una vetrina illuminano bocche vicine e sguardi eloquenti di amore presente.

Musica lieve di un piano suonato con appassionata maestria diffonde calore nell’aria.

Gocce di pioggia sottile partecipano alla commozione di cuori riconoscenti.

È un autunno che profuma di vita nuova, come primavera incipiente.

Splenderà l’inverno dell’estate dell’anima.

Voci precedenti più vecchie