Il medico per corrispondenza

Strano rapporto il mio con la medicina, con le malattie, con il dolore…

Non mi fido della prima, ho paura delle seconde, non sopporto il terzo…

Ergo, meglio non avere a che fare con la prima…finchè posso cerco di ignorare i segnali delle seconde…metto a tacere il terzo, spesse volte eliminando prima possibile il sintomo senza preoccuparmi, finchè riesco, della causa…

La verità è che le questioni mediche, non conoscendole, mi spaventano…

Così temporeggio…

Poi arriva il giorno in cui ho in mano i risultati delle analisi del sangue di controllo di mio figlio…e casualmente anche quelli delle mie…e allora non aspetto più…contrariamente a come considero la mia, la salute di mio figlio è una priorità assoluta…

Così incastro gli orari di entrambi i dottori nel tardo pomeriggio di un piovoso martedì, metto i fascicoli in borsa prima di uscire di casa la mattina e mi preparo ad affrontare la questione in tandem, appena uscita dal lavoro.

In pausa pranzo, per avvisarla che sarei passata da lei, chiamo la pediatra di mio figlio…mi intima di non passare in serata, perchè per il pomeriggio ha troppe visite già fissate e non riuscirebbe a ricevermi, ma mi dice di lasciarle in portineria dell’ambulatorio tutti i fogli delle analisi di mio figlio in una busta chiusa…nella mattinata del giorno successivo lei darà un’occhiata al tutto e mi darà risposta rimettendo tutto nella medesima busta che dovrò ritirare successivamente dalla  medesima portineria…e poi ci aggiorneremo via telefono…

Ok, nessun problema…ma, sai com’è, le analisi sono di mio figlio…non di uno qualsiasi raccattato per strada…e io avrei avuto piacere anche solo di osservare la tua espressione nel momento in cui le leggevi…perchè con le parole potresti girarmi la frittata, o indorare la pillola, cara la mia dottoressa…ma se tu vedessi qualcosa che non va, io mi accorgerei, se solo potessi vederti, del tuo cambio di espressione, del tuo sopracciglio alzato, della tua smorfia e già saprei…

Ok, nessun problema…cercherò di mettere a tacere la mia diffidenza e mi forzerò a fidarmi di quello che scriverai o che sentirò dalla tua voce attraverso il telefono…

Ma sta cosa non mi piace…

Beh, almeno farò vedere al mio dottore i risultati delle mie di analisi, per decifrare i numerosi consueti asterischi…

Macchè, arrivo all’ambulatorio e lui è già andato…

Lo chiamo e mi ripete anche lui di lasciare le mie analisi alla solita portineria…

Allora, azzardo che se dev’essere un interpretazione in differita, non vis-à-vis, posso mandargliele via mail, almeno dopo averle scannerizzate rimangono in mano mia e non affidate come quelle di mio figlio alla fantomatica portineria…

Ok, nessun problema…

Arrivo a casa e, dopo aver messo a nanna il cucciolo, scrivo un poema di resoconto delle nostre numerose visite estive alla pediatra, in modo che accompagni i fogli delle analisi di mio figlio e che possano in qualche modo essere meno ‘spoglie’, un pelino più contestualizzate…metto tutto nella busta e rimetto tutto in borsa per il viaggio di domattina verso la portineria…

Poi scannerizzo, scrivo, allego, spedisco…

Ecco qua, sono andata da ben due dottori oggi, per corrispondenza, senza che nessuno dei due abbia visto la mia faccia…

E sta cosa non mi piace…per niente…

Com’è che mi sento coinvolta???

Cogito ergo sum

Chi di sè vede lettura
ad ogni piè sospinto
o è molto apprezzato
o è un cretino convinto
 
Eowyn
 
da Amaranto http://lothlorienr.wordpress.com/2014/04/23/cogito-ergo-sum/
 

Questo è il testo di un post pubblicato da Roberta sul suo blog Amaranto http://lothlorienr.wordpress.com/2014/04/23/cogito-ergo-sum/ lo scorso 23 Aprile.

Quando l’ho letto mi ha catturato istantaneamente…l’ho letto e riletto…e mi son chiesta ‘ma perchè mi sento coinvolta da questo pugno di parole in rima?’

Ammetto di essere, spesse volte mio malgrado, una mente contorta, che si interroga continuamente su ogni pensiero, parola, azione…

Cerco di dare una spiegazione a tutto, ai miei comportamenti, alle mie reazioni, ai modi in cui mi esprimo, alle motivazioni, profonde e perse nella mia infanzia, per cui oggi sono la persona che sono, per cui faccio gli errori che faccio, per cui prendo le decisioni che prendo, per cui scelgo quello che scelgo, per cui gestisco le relazioni con gli altri esseri umani, nelle varie modalità in cui si dispiegano, nel modo in cui costantemente le gestisco…

Dicendolo con le parole di Roberta, vedo lettura di me ad ogni piè sospinto …talvolta lo faccio inconsapevolmente, istintivamente, quasi fosse parte della mia natura di essere umano, talvolta mi forzo a farlo, analizzo o cerco di analizzare le parti più recondite dei meccanismi della mia mente e della mia anima…

E allora, seguendo la tesi di Roberta, la domanda ne discende spontanea: sono molto apprezzata o sono una cretina convinta?

Quanto sono consapevole di essere apprezzata, se appartenessi alla prima delle due categorie? Quanto sono veramente apprezzata, a prescindere dalla mia personale, pessimistica consapevolezza di me e delle mie reali capacità?

E se invece tutta la soluzione alle mie faticosissime elucubrazioni mentali fosse che appartengo alla seconda delle categorie, quella dei cretini convinti? E se magari nemmeno mi rendessi conto di esserlo?

Se sono una cretina convinta, e son talmente convinta che ancora non me ne sono accorta, qualcuno sarebbe gentilmente pregato di dirmelo?

Per favore….giusto perchè almeno, accettata la cosa, finalmente mi metterei in pace con me stessa e con il mondo intero…

E ci sarebbe finalmente silenzio…

 

Two Cows… (…esilarante analisi economica… :-) )

401287_490838537637923_1619692873_n

TWO COWS ~{Matthias Varga}

SOCIALISM
You have 2 cows.
You give one to your neighbour

COMMUNISM
You have 2 cows.
The State takes both and gives you some milk

FASCISM
You have 2 cows.
The State takes both and sells you some milk

NAZISM
You have 2 cows.
The State takes both and shoots you

BUREAUCRATISM
You have 2 cows.
The State takes both, shoots one, milks the other, and then
throws the milk away

TRADITIONAL CAPITALISM
You have two cows.
You sell one and buy a bull.
Your herd multiplies, and the economy
grows.
You sell them and retire on the income

ROYAL BANK OF SCOTLAND (VENTURE) CAPITALISM
You have two cows.
You sell three of them to your publicly listed company, using letters of credit opened by
your brother-in-law at the bank, then execute a debt/equity swap with an associated general offer so that you get all four cows back, with a tax exemption
for five cows.
The milk rights of the six cows are transferred via an intermediary to a Cayman Island Company secretly owned by the majority shareholder who sells the rights to all seven cows back to your listed company.
The annual report says the company owns eight cows, with an option on one more. You sell one cow to buy a new president of the United States , leaving you with nine cows. No balance sheet provided with the release.
The public then buys your bull.

SURREALISM
You have two giraffes.
The government requires you to take harmonica lessons.

AN AMERICAN CORPORATION
You have two cows.
You sell one, and force the other to
produce the milk of four cows.
Later, you hire a consultant to analyse why
the cow has dropped dead.

A GREEK CORPORATION
You have two cows. You borrow lots of euros to build barns, milking sheds, hay stores, feed sheds,
dairies, cold stores, abattoir, cheese unit and packing sheds.
You still only have two cows.

A FRENCH CORPORATION
You have two cows.
You go on strike, organise a riot, and block the roads, because you want three
cows.

A JAPANESE CORPORATION
You have two cows.
You redesign them so they are one-tenth the size of an ordinary cow and produce
twenty times the milk.
You then create a clever cow cartoon image called a Cowkimona and
market it worldwide.

AN ITALIAN CORPORATION
You have two cows,
but you don’t know where they are.
You decide to have lunch.

A SWISS CORPORATION
You have 5000 cows. None of them belong to you.
You charge the owners for storing them.

A CHINESE CORPORATION
You have two cows.
You have 300 people milking them.
You claim that you have full employment, and high bovine productivity.
You arrest the newsman who reported the real situation.

AN INDIAN CORPORATION
You have two cows.
You worship them.

A BRITISH CORPORATION
You have two cows.
Both are mad.

AN IRAQI CORPORATION
Everyone thinks you have lots of cows.
You tell them that you have none.
No-one believes you, so they bomb the ** out of you and invade your country.
You still have no cows, but at least you are now a Democracy.

AN AUSTRALIAN CORPORATION
You have two cows.
Business seems pretty good.
You close the office and go for a few beers to celebrate.

A NEW ZEALAND CORPORATION
You have two cows.
The one on the left looks very attractive…

DUE MUCCHE ~ { Matthias Varga }

SOCIALISMO
Hai 2 mucche.
Ne dai una al tuo vicino di casa

COMUNISMO
Hai 2 mucche.
Lo Stato te le prende entrambe e ti dà un po ‘ di latte.

FASCISMO
Hai 2 mucche.
Lo Stato te le prende entrambe e ti vende un pò di latte.

NAZISMO
Hai 2 mucche.
Lo Stato te le  prende entrambe e ti spara.

BUROCRATISMO
Hai 2 mucche.
Lo Stato te le prende entrambe , ne uccide una , munge l’altra e poi
butta via il latte.

CAPITALISMO TRADIZIONALE
Hai due mucche .
Ne vendi una e compri un toro .
La tua mandria si moltiplica , e l’economia
cresce .
Li vendi e vai in pensione con la tua rendita.

ROYAL BANK OF SCOTLAND ( VENTURE ) CAPITALISMO
Hai due mucche .
Ne vendi tre alla tua società quotata in borsa , utilizzando lettere di credito aperte dal tuo socio in affari presso la banca , quindi eseguire uno scambio debito/credito con un’offerta generale associata in modo da riavere indietro tutte e quattro le mucche , con una esenzione fiscale per cinque mucche .
I diritti sul latte di sei mucche sono trasferiti tramite un intermediario di un isola Società alle Isole Cayman segretamente posseduta dall’azionista di maggioranza che vende i diritti di tutte e sette le mucche per la vostra società .
La relazione annuale afferma che la società possiede otto mucche , con un’opzione sull’acquisto di un’altra .Vendi una mucca per comprare un nuovo presidente degli Stati Uniti , rimanendo con nove mucche. Nessun bilancio di esercizio registra la vendita .
Il pubblico poi acquista il tuo toro.

SURREALISMO
Hai due giraffe .
Il governo ti chiede di prendere lezioni di armonica .

UNA SOCIETA’ AMERICANA
Hai due mucche .
Ne vendi una e costringi l’altra a
produrre il latte di quattro mucche .
Più tardi , assumi un consulente per analizzare perché
la mucca è morta .

UNA SOCIETA’ GRECA
Hai due mucche . Prendi in prestito un sacco di euro per costruire stalle ,capannoni per la mungitura , negozi , capannoni di fieno, mangimi ,caseifici, magazzini frigoriferi , mattatoio , moduli componibili per il formaggio e capannoni di imballaggio. E hai ancora solo due mucche .

UNA SOCIETA’ FRANCESE
Hai due mucche .
Vai in sciopero , organizzi una sommossa , blocchi le strade , perché vuoi tre mucche.

UNA SOCIETA’ GIAPPONESE
Hai due mucche .
Le riprogetti in modo che siano un decimo delle dimensioni di una vacca normale e producano il latte venti volte di più .
Quindi crei un’immagine accattivante di mucca cartoon chiamata Cowkimona e la commercializzi in tutto il mondo .

UNA SOCIETA’ ITALIANA
Hai due mucche ,
ma non si sa dove sono .
Si decide di pranzare .

UNA SOCIETA’ SVIZZERA
Hai 5000 mucche. Nessuna di loro vi appartiene .
Fai pagare i proprietari per il loro deposito .

UNA SOCIETA’ CINESE
Hai due mucche .
Hai 300 persone che le mungono .
Affermate che avete la piena occupazione , ed elevata produttività dei bovini .
Arrestate il giornalista che riporta la situazione reale .

UNA SOCIETA’ INDIANA
Hai due mucche .
Le adorate .

UNA SOCIETA’ BRITANNICA
Hai due mucche .
Entrambe sono pazze.

UNA SOCIETA’ IRACHENA
Tutti pensano che hai un sacco di mucche.
Dite a tutti che non ne avete .
Nessuno ti crede , così bombardano l’ ** fuori da voi e invadono il tuo paese .
Non hai ancora nessuna mucca, ma almeno adesso siete una Democrazia.

UNA SOCIETA’ AUSTRALIANA
Hai due mucche .
Gli affari sembrano abbastanza buoni .
Chiudi l’ufficio e vai a prenderti un paio di birre per festeggiare.

UNA SOCIETA’ NEOZELANDESE
Hai due mucche .
Quella a sinistra sembra molto attraente…