Annunci

Nulla in mundo pax sincera

Antonio Vivaldi “Nulla in mundo pax sincera”

La musica classica ha un potere taumaturgico.

È bellezza, è armonia, è cura. Dovreste provare.

L’animo irrequieto di queste mie giornate aveva bisogno di una cura, di una carezza.

Accendo le casse, spingo il volume al massimo, spengo la luce, apro l’acqua calda.

E la musica mi ha regalato un’esperienza quasi mistica sotto la doccia.

Senti l’amore che ti lega alle persone importanti della tua vita.

Senti la preghiera degli uomini, il canto degli angeli, la voce di Dio.

E l’acqua che scorre, la tensione che si lava via, i pensieri che escono all’unisono con le note.

E rimetti tutto in ordine.

Capisci che ha tutto un senso, che esiste davvero un disegno. Ne vedi i dettagli, senza riuscire a cogliere l’immensità dell’affresco finito, ma sai che esiste, e che ne fai parte in modo grandioso.

E allora ringrazi il cielo per essere fatta così, sensibile, in grado di cogliere ogni sfumatura della bellezza, ogni grado della felicità e del dolore.

Benedetta e maledetta insieme dalla capacità di ‘sentire’ sulla pelle ogni cosa. Dalla capacità di amare.

Annunci

Atroce malattia l’Amore

Pubblicata nell’ultimo numero di WRITERS, che trovate qui https://drive.google.com/file/d/0B36h81sAzbS9eVZiYXhhVURTRFk/view?usp=sharing, ecco il mio tentativo malamente poetico di descrivere l’amore…

cuore-malato_01_small

(immagine dal web)

 

Atroce malattia l’amore

Atroce malattia l’amore

illude di dolci frasi

di languidi sguardi

di amabili parole

di spazi condivisi

di gesti luoghi persone nuove

.

Riempie di giorni leggeri

lo spazio immutabile

il tempo di pensieri sorrisi

felice espressione del viso

calmi meandri della mente

.

Poi di colpo svanisce

dietro il ricordo di quello

che è stato e non più è

davanti il rimpianto

per quel che non tornerà

.

Atroce malattia l’amore

sintomi equivoci quando guarisce

infezione potente quando presente

nascosta in felicità effimera

mai più vera all’anima invasa

.

Esiste cura per tanto soffrire

ma non vivere affatto

equivale a morire

.

E allora che sia

voglio morire d’amore

soffrendo gioie felici

di magici attimi

insieme

Elena Brilli