“E’ uno stallo o un rifiuto crudele e incosciente del diritto alla felicita’” (cit.)

Una mattina assolata di inizio primavera e la voglia di una voce amica, intelligente…voglia di poesia, emozioni, musica.

Guido allora, e cerco Guccini, random, gira su Youtube nonostante consumi bite di connessione sul mio cellulare. Non importa in quel momento, mi serve Guccini, ne ho bisogno. Canticchio parole note, vivo emozioni sempre uguali legate a fraseggi perfetti e sublimi di musica e poesia.

Poi arriva lei, una canzone che non conosco, ma che mi trapassa al primo ascolto come i raggi x di una radiografia all’anima.

E sembra subito un dialogo tra tante voci di me che parlo a me stessa, di me che parlo a ricordi lontani, di possibilità fuggite che parlano a me, come vorrei che parlassero ancora.

Capita, a volte, che musica e parole diventino magia e compaiano in versi e note i protagonisti di una vita intera.

E’ successo a me, in una mattina di inizio primavera, soli, io, Guccini, la musica, e me.

 

Canzone delle domande consuete (Francesco Guccini)

Ancora qui a domandarsi e a far finta di niente

come se il tempo per noi non costasse l’uguale,

come se il tempo passato ed il tempo presente

non avessero stessa amarezza di sale.

Tu non sai le domande, ma non risponderei

per non strascinare le parole in linguaggio d’azzardo;

eri bella, lo so, e che bella che sei;

dicon tanto un silenzio e uno sguardo.

Se ci sono non so cosa sono e se vuoi

quel che sono o sarei, quel che saro’ domani…

non parlare non dire piu’ niente se puoi,

lascia farlo ai tuoi occhi alle mani.

Non andare… vai. Non restare… stai.

Non parlare… parlami di te.

Tu lo sai, io lo so, quanto vanno disperse,

trascinate dai giorni come piena di fiume

tante cose sembrate e credute diverse

come un prato coperto a bitume.

Rimanere cosi’ annaspare nel niente,

custodire i ricordi, carezzare le eta’,

e’ uno stallo o un rifiuto crudele e incosciente

del diritto alla felicita’

Se ci sei, cosa sei? Cosa pensi e perché?

Non lo so, non lo sai; siamo qui o lontani?

Esser tutto, un momento, ma dentro di te.

Aver tutto, ma non il domani.

Non andare… vai. Non restare… stai.

Non parlare… parlami di te.

E siamo qui, spogli, in questa stagione che unisce

tutto cio’ che sta fermo, tutto cio’ che si muove;

non so dire se nasce un periodo o finisce,

se dal cielo ora piove o non piove,

pronto a dire “buongiorno”, a rispondere “bene”

a sorridere a “salve”, dire anch’io “come va?”

Non c’è vento stasera. Siamo o non siamo assieme?

Fuori c’e’ ancora una citta’

Se c’e’ ancora balliamoci dentro stasera,

con gli amici cantiamo una nuova canzone…

…tanti anni, e sono qui ad aspettar primavera

tanti anni, ed ancora in pallone

Non andare… vai. Non restare… stai.

Non parlare… parlami di te.

Non andare… vai. Non restare… stai.

Non parlare… parlami di noi.

Lettera ad un Premier mai nato

Prendendo spunto dal titolo di uno dei più importanti libri della grandissima Oriana Fallaci, quella che segue è un’ipotetica lettera che scriverei volentieri ad un premier del nostro Belpaese…e non mi riferisco al premier attuale, nè a quelli passati…non mi riferisco a premier di destra, sinistra, sopra o sotto… non vuole essere un’espressione politica la mia…ma solo un’amara riflessione sullo stato attuale delle cose…

Gentilissimo Premier

le scrivo questa lettera perchè mi piacerebbe che leggendola potesse riuscire a comprendere la situazione reale in cui si trova la maggior parte della popolazione del paese che lei è chiamato a governare… perchè potesse riuscire a comprendere lo stato d’animo della maggioranza di noi italiani, in questo particolarissimo momento di congiuntura storica…

Sono una donna, una madre che si affaccia alla soglia dei 40 anni…e non ho nessuna speranza per il futuro…

Un lavoro ce l’ho…e dovrei ritenermi fortunata…e invece, caro Premier, sappia che non lo sono…

Non mi ritengo fortunata ad avere un lavoro nel quale posso lavorare per sole 18 ore la settimana e nessuno si accorge delle mie potenzialità, nel quale la mia richiesta di lavorare di più, e meglio di conseguenza, è caduta nella risposta che l’azienda fa solo contratti a 18 ore…perchè conviene di più…

Ma a chi conviene? Siamo davvero sicuri che convenga a qualcuno che le potenzialità di una persona vengano castrate a favore di dinamiche economiche?

A me non conviene…di questo le potrei dare assicurazione scritta…sono stata costretta a tornare a vivere con i miei genitori, non potendo permettermi una casa solo per me e il mio bambino…sono in bilico tra l’ansia cronica e la depressione…e se dovessi basare l’economia familiare solo sul mio stipendio, le finanze basterebbero a malapena per la prima settimana di ogni mese…

E nonostante la mia volontà ferrea nel voler cambiare questo stato di cose, le porte sono tutte chiuse…

E mi creda quando le dico che non ritengo che la colpa sia dei Premier che l’hanno preceduta…non sono le manovre economiche degli anni passati che hanno portato a questo stato di cose, ma la progressiva perdita di significato di parole come rispetto, uguaglianza, valori, scelte…

La mia generazione, con le risorse che venivano dalle generazioni precedenti, ha fatto scelte sbagliate (almeno nel mio caso è stato così…), ma almeno ha avuto la possibilità di scegliere, tra lo studio e un lavoro, tra i vari gradi di istruzione, tra le varie possibilità di lavoro, almeno fino a qualche anno fa…

Ma ora che le risorse dei padri sono finite…io sono sicura che non riuscirò a garantire a mio figlio un futuro…ma questo forse non è neanche un male…si farà le ossa imparando presto che il suo futuro se lo deve costruire da solo…

Ma quello che veramente non sarò in grado di offrire in nessun modo a mio figlio, se la situazione attuale non si incammina di nuovo nel sentiero dell’uguaglianza e dei valori, della meritocrazia e del rispetto, è la possibilità di avere una scelta…

Quando avrà 15 anni probabilmente dovrò dirgli che non ci saranno per lui le possibilità di frequentare una scuola superiore…e se vorrà dovrà provvedere da solo a trovare le risorse per farlo…

Questo è il mio rimpianto di madre più grosso…la sensazione di aver sprecato gli anni migliori della mia vita in speranze malriposte, verso chi pensava non al valore delle persone, ma alla convenienza economica dei numeri…e di non avere adesso più nè la forza nè il tempo per rimettere tutto in carreggiata…

Non ho speranze per il mio futuro…e non riesco a trovare le risorse per darne a mio figlio…di speranze…di scelte…di futuro…

E allora, caro Premier sappia che “la locomotiva come una cosa viva lanciata a bomba contro l’ingiustizia” per me non è una locomotiva reale, è la locomotiva del pensiero…l’unica parte di me che non riuscirete a togliere, a castrare…

Ma se mio figlio, quando sarà ventenne, non avrà scelta, non avrà speranza, non riuscirà ad immaginarsi un futuro, sarà come un animale in gabbia…e quando gli animali si sentono senza via di fuga, senza scelta, attaccano, mordono, graffiano…

E “la locomotiva come una cosa viva lanciata a bomba contro l’ingiustizia” sarà allora una cosa reale, un movimento di rivolta vero, che non potrete fermare…con la forza di una nuova generazione che vorrà riprendersi a braccia larghe tutte le speranze, tutto il futuro che in questo momento state togliendo o avete già tolto ai loro genitori, ma che loro rivendicheranno come proprio, diritto inalienabile, con tutte le loro forze…

Perchè si ricordi gentile Premier che gli uomini sono tutti uguali…e non è un’affermazione che può limitarsi a star chiusa dentro i versi di una canzone, ma è una consapevolezza che abbiamo dalla nascita…un diritto violato è istintivamente percepito come un torto…

E se gli uomini sono tutti uguali, gentile Premier, tutti hanno lo stesso sangue, la stessa carne, le stesse ossa, la stessa capacità di pensiero e gli stessi diritti alla speranza, ad un futuro, al riconoscimento dei meriti, all’equa distribuzione delle risorse…

Le lascio il testo della canzone di Francesco Guccini  “La locomotiva”

Lo legga…e non vuol essere una minaccia…

Lo legga e lo faccia suo, senta nelle sue membra quella forza nuova che la spinga a cambiare davvero le cose…quel coraggio che la porti a diventare lei stesso il macchinista di quella “locomotiva lanciata a bomba contro l’ingiustizia”

Non so che viso avesse, neppure come si chiamava,
con che voce parlasse, con quale voce poi cantava,
quanti anni avesse visto allora, di che colore i suoi capelli,
ma nella fantasia ho l’immagine sua:
gli eroi son tutti giovani e belli,
gli eroi son tutti giovani e belli,
gli eroi son tutti giovani e belli…

Conosco invece l’epoca dei fatti, qual’ era il suo mestiere:
i primi anni del secolo, macchinista, ferroviere,
i tempi in cui si cominciava la guerra santa dei pezzenti
sembrava il treno anch’ esso un mito di progresso
lanciato sopra i continenti,
lanciato sopra i continenti,
lanciato sopra i continenti…

E la locomotiva sembrava fosse un mostro strano
che l’uomo dominava con il pensiero e con la mano:
ruggendo si lasciava indietro distanze che sembravano infinite,
sembrava avesse dentro un potere tremendo,
la stessa forza della dinamite,
la stessa forza della dinamite,
la stessa forza della dinamite..

Ma un’ altra grande forza spiegava allora le sue ali,
parole che dicevano “gli uomini son tutti uguali”
e contro ai re e ai tiranni scoppiava nella via
la bomba proletaria e illuminava l’ aria
la fiaccola dell’ anarchia,
la fiaccola dell’ anarchia,
la fiaccola dell’ anarchia…

Un treno tutti i giorni passava per la sua stazione,
un treno di lusso, lontana destinazione:
vedeva gente riverita, pensava a quei velluti, agli ori,
pensava al magro giorno della sua gente attorno,
pensava un treno pieno di signori,
pensava un treno pieno di signori,
pensava un treno pieno di signori…

Non so che cosa accadde, perchè prese la decisione,
forse una rabbia antica, generazioni senza nome
che urlarono vendetta, gli accecarono il cuore:
dimenticò pietà, scordò la sua bontà,
la bomba sua la macchina a vapore,
la bomba sua la macchina a vapore,
la bomba sua la macchina a vapore…

E sul binario stava la locomotiva,
la macchina pulsante sembrava fosse cosa viva,
sembrava un giovane puledro che appena liberato il freno
mordesse la rotaia con muscoli d’ acciaio,
con forza cieca di baleno,
con forza cieca di baleno,
con forza cieca di baleno…

E un giorno come gli altri, ma forse con più rabbia in corpo
pensò che aveva il modo di riparare a qualche torto.
Salì sul mostro che dormiva, cercò di mandar via la sua paura
e prima di pensare a quel che stava a fare,
il mostro divorava la pianura,
il mostro divorava la pianura,
il mostro divorava la pianura…

Correva l’ altro treno ignaro e quasi senza fretta,
nessuno immaginava di andare verso la vendetta,
ma alla stazione di Bologna arrivò la notizia in un baleno:
“notizia di emergenza, agite con urgenza,
un pazzo si è lanciato contro al treno,
un pazzo si è lanciato contro al treno,
un pazzo si è lanciato contro al treno…”

Ma intanto corre, corre, corre la locomotiva
e sibila il vapore e sembra quasi cosa viva
e sembra dire ai contadini curvi il fischio che si spande in aria:
“Fratello, non temere, che corro al mio dovere!
Trionfi la giustizia proletaria!
Trionfi la giustizia proletaria!
Trionfi la giustizia proletaria!”

E intanto corre corre corre sempre più forte
e corre corre corre corre verso la morte
e niente ormai può trattenere l’ immensa forza distruttrice,
aspetta sol lo schianto e poi che giunga il manto
della grande consolatrice,
della grande consolatrice,
della grande consolatrice…

La storia ci racconta come finì la corsa
la macchina deviata lungo una linea morta…
con l’ ultimo suo grido d’ animale la macchina eruttò lapilli e lava,
esplose contro il cielo, poi il fumo sparse il velo:
lo raccolsero che ancora respirava,
lo raccolsero che ancora respirava,
lo raccolsero che ancora respirava…

Ma a noi piace pensarlo ancora dietro al motore
mentre fa correr via la macchina a vapore
e che ci giunga un giorno ancora la notizia
di una locomotiva, come una cosa viva,
lanciata a bomba contro l’ ingiustizia,
lanciata a bomba contro l’ ingiustizia,
lanciata a bomba contro l’ ingiustizia!

La saluto così, gentile Premier, augurandole che possa lavorare per ridare serenità, felicità, prospettiva, scelte, futuro al suo paese…

E si ricordi, che la politica, il ruolo che lei ricopre, non dovrebbe essere un lavoro, ma una scelta…e in quanto tale, la sua remunerazione non dovrebbe essere monetaria, ma morale…quella consapevolezza di aver compiuto nel migliore dei modi possibile la sua missione, di essersi messo al servizio delle persone e non il contrario…e in qualità di primo cittadino avere la certezza di aver dato il buon esempio…

E , mi creda, di buoni esempi, nell’intera classe politica di questo sciagurato Belpaese, noi piccoli puntini che compongono la grande bellezza del Popolo Italiano, ne vediamo sempre di meno…

Con rispetto,

Elena

…sulla bellezza…

Stasera un pò di Sanremo, mi ero detta…

Ed ecco che sul palco dell’Ariston, intorno alle 23 arriva Luca Zingaretti che legge una riflessione di Peppino Impastato, ucciso dalla mafia a soli 30 anni, nel 1978…questa:

Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà. All’esistenza di orrendi palazzi sorti all’improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con pronta facilità, si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e presto ci si dimentica di come erano quei luoghi prima, ed ogni cosa, per il solo fatto che è così, pare dover essere così da sempre e per sempre. È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore (Peppino Impastato)“.

Non la conoscevo…o forse sì…comunque non me la ricordavo così potente, bella, illuminante…

Io sono convinta che il senso della bellezza, saper riconoscere la bellezza, riuscire a vederla, in ogni forma e aspetto, dalle cose più straordinarie a quelle più normali, quotidiane, sia una delle caratteristiche più importanti che distingue la razza umana dagli altri animali…

Ma stasera mi son trovata a riconsiderare il mio concetto di bellezza anche come uno strumento per non cedere alla rassegnazione, alla paura, all’abitudine… Aveva ragione Peppino Impastato…dal senso per la bellezza passano la curiosità e lo stupore, che sono il fulcro di quel motore che ci rende veramente vivi, che ci rende animali pensanti…

Se riusciamo a vedere la bellezza, non ci sarà posto per la rassegnazione…se anche le cose cambiassero in peggio, nessuno potrà convincerci che è sempre stato così, e che non può essere diverso da così…e ci ribelleremo…vorremo tornare a vedere la bellezza, o a costruirne di nuova per ristabilire l’equilibrio…

“Immagina questo coperto di grano,
immagina i frutti e immagina i fiori
e pensa alle voci e pensa ai colori

e in questa pianura, fin dove si perde,
crescevano gli alberi e tutto era verde,
cadeva la pioggia, segnavano i soli
il ritmo dell’ uomo e delle stagioni…”

Questo è un piccolo estratto dal testo della canzone “Il vecchio e il bambino” di Francesco Guccini…

Mi si è evocata nella mente mentre ascoltavo le parole di Peppino Impastato…

Un vecchio e un bambino si preser per mano
e andarono insieme incontro alla sera;
la polvere rossa si alzava lontano
e il sole brillava di luce non vera…

L’ immensa pianura sembrava arrivare
fin dove l’occhio di un uomo poteva guardare
e tutto d’ intorno non c’era nessuno:
solo il tetro contorno di torri di fumo…

I due camminavano, il giorno cadeva,
il vecchio parlava e piano piangeva:
con l’ anima assente, con gli occhi bagnati,
seguiva il ricordo di miti passati…

I vecchi subiscon le ingiurie degli anni,
non sanno distinguere il vero dai sogni,
i vecchi non sanno, nel loro pensiero,
distinguer nei sogni il falso dal vero…

E il vecchio diceva, guardando lontano:
“Immagina questo coperto di grano,
immagina i frutti e immagina i fiori
e pensa alle voci e pensa ai colori

e in questa pianura, fin dove si perde,
crescevano gli alberi e tutto era verde,
cadeva la pioggia, segnavano i soli
il ritmo dell’ uomo e delle stagioni…”

Il bimbo ristette, lo sguardo era triste,
e gli occhi guardavano cose mai viste
e poi disse al vecchio con voce sognante:
“Mi piaccion le fiabe, raccontane altre!”

Quando la ascolto, mi ritrovo in lacrime…

Un pò perchè penso a chi, tra i ‘vecchi’ che hanno fatto parte della mia vita, non c’è più…e ne amavo ascoltare i racconti…mi immergevano in un altro mondo, in altre vite…

Un pò perchè penso a chi tra i ‘vecchi’ ancora c’è, ma se ne andrà presto…e ricordo di quando io ero il bambino della canzone…e li ascoltavo, cercando di comprenderne i ricordi…ma senza capirli fino in fondo…

Un pò perchè adesso son io dalla parte del vecchio…e il mio bimbo è il bambino…ma mai vorrei che i miei racconti dei ‘miti passati’…della bellezza di come era…suscitassero in lui uno sguardo ‘triste’… la bellezza appartiene a tutto, proprio tutto quanto…basta saperla vedere…e vorrei tanto per mio figlio essere una guida alla scoperta sempiterna della bellezza, e mai alla paura della rassegnazione…

Spero tanto di esserne capace…

“Vorrei”

Si sente spesso la necessità interiore o la richiesta esplicita di dare una definizione all’amore…

Io non son brava con le parole…e spesso l’argomento dà adito a scivoloni più o meno consapevole nell’ovvietà, nella banalità della definizione da Bacio Perugina…nell’impoverimento che le parole conosciute (da chi non è ispirato dalla musa della poesia, come me…) per definire l’amore, spesso non siano in grado di contenerlo, di racchiuderlo in un pugno di lettere…

Ma la musica, e la poesia, come al solito, salvano i mediocri come me…

E allora ecco che rubo a Francesco Guccini la perfezione della definizione dell’amore in musica e poesia:

VORREI

Francesco Guccini

Vorrei conoscer l’ odore del tuo paese,

camminare di casa nel tuo giardino,

respirare nell’ aria sale e maggese,

gli aromi della tua salvia e del rosmarino.

Vorrei che tutti gli anziani mi salutassero

parlando con me del tempo e dei giorni andati,

vorrei che gli amici tuoi tutti mi parlassero,

come se amici fossimo sempre stati.

Vorrei incontrare le pietre, le strade, gli usci

e i ciuffi di parietaria attaccati ai muri,

le strisce delle lumache nei loro gusci,

capire tutti gli sguardi dietro agli scuri

e lo vorrei
perchè non sono quando non ci sei
e resto solo coi pensieri miei ed io…

Vorrei con te da solo sempre viaggiare,

scoprire quello che intorno c’è da scoprire

per raccontarti e poi farmi raccontare

il senso d’ un rabbuiarsi e del tuo gioire;

vorrei tornare nei posti dove son stato,

spiegarti di quanto tutto sia poi diverso

e per farmi da te spiegare cos’è cambiato

e quale sapore nuovo abbia l’ universo.

Vedere di nuovo Istanbul o Barcellona

o il mare di una remota spiaggia cubana

o un greppe dell’ Appennino dove risuona

fra gli alberi un’ usata e semplice tramontana

e lo vorrei
perchè non sono quando non ci sei
e resto solo coi pensieri miei ed io…

Vorrei restare per sempre in un posto solo

per ascoltare il suono del tuo parlare

e guardare stupito il lancio, la grazia, il volo

impliciti dentro al semplice tuo camminare

e restare in silenzio al suono della tua voce

o parlare, parlare, parlare, parlarmi addosso

dimenticando il tempo troppo veloce

o nascondere in due sciocchezze che son commosso.

Vorrei cantare il canto delle tue mani,

giocare con te un eterno gioco proibito

che l’ oggi restasse oggi senza domani

o domani potesse tendere all’ infinito

e lo vorrei
perchè non sono quando non ci sei
e resto solo coi pensieri miei ed io…