Mrs BlackMamba e la sua american vintage collection di “grand soiree dresses”… Chi vuole accompagnarla sul Red Carpet?

Fino a pochi mesi fa lavoravo in un negozio della via principale della mia città. Tutti i giorni percorrevo a piedi quei pochi metri che c’erano tra la fermata dell’autobus e il mio ingresso al lavoro, e viceversa al ritorno, intercettando ogni volta la vetrina di un grande negozio di abiti vintage americani, che vendevano al kilo.

Talvolta mi fermavo, attirata dagli abiti da sera sapientemente indossati dai manichini nelle vetrine, perchè ogni donna, e non c’è niente da fare, è una principessa da piccola, e tale rimane, nei sogni, finchè non esala l’ultimo respiro…

Gli abiti da sera non erano venduti al kilo, ma i prezzi si aggiravano tra i 50 e i 100 euro, costo accessibile, per un sogno…

Così, per un paio di volte, due abiti di quelli li ho acquistati, senza neanche provarli, solo per la certezza di essere “pronta” nel momento in cui si presentasse alla porta il “principe azzurro”.

Ciascuna delle due volte avevo spiegato alla commessa, fortunatamente diversa ogni volta, che quello che mi accingevo a comprare sarebbe stato il mio abito da sposa, di un matrimonio inesistente che si sarebbe svolto di lì a pochi mesi (e che probabilmente non ci sarà mai…), mentendo per giustificare un acquisto così inconsueto da parte di una persona abbigliata in modo molto casual e trasandato a volte, quale io ero.

E’ una cosa che non sono in grado di mostrarvi, ma dentro a questi abiti, siglati con etichette originali made in U.S.A. c’è la maestria di un modo di confezionare i pezzi di abbigliamento come vere e proprie opere d’arte… i corsetti sono rinforzati da ferri rigidissimi a serrare la vita e sostenere il seno, con doppi rivestimenti per evitare il fastidio sulla pelle, che ricordano le scene di vestizione di film epici per l’infanzia di ogni bimba, quali quelli della saga della “Principessa Sissi”… un modo di cucire che non esiste più a meno di non potersi permettere i capi di alta moda siglati Armani o Versace o Chanel.

Sono i due pezzi più importanti della mia collezione di abiti, sono un sogno, lì, nel mio armadio…

 

20150425_174058 20150425_174159 20150425_174246 20150425_174438 20150425_174610

20150425_175130 20150425_175354 20150425_175142 20150425_175441 20150425_175215 20150425_175314 20150425_175720

 

Qualcuno si offre volontario?

🙂